Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Cioffi: “Le monete d’oro? Mostra entro l’estate 2021”. Retromarcia infopoint: “Resta in via Albertolli”

L’avevamo già intervistata a fine luglio, a pochi giorni dalla nomina ad assessore alla Cultura e Turismo, e aveva già le idee piuttosto chiare. E Livia Cioffi, il generale Cioffi come l’avevamo scherzosamente soprannominata, le idee chiare le ha ancora. Ma con qualche importante novità.

Assessore, a luglio nella sua agenda spiccava l’impegno di presentare al più presto il bando eventi 2021. È già al lavoro?

Sì, ci stiamo già lavorando. Non è possibile uscire con il bando a ridosso dell’estate e il mio impegno è fare in modo che scada al massimo a fine febbraio, così da avere tutto il tempo necessario per organizzarci. Inoltre ho già preso contatti con l’assessore regionale al Turismo Lara Magoni e vorrei coinvolgere anche la Camera di Commercio. Vorrei un bando eventi condiviso.

Aveva anche dichiarato che avrebbe riportato l’Infopoint al Broletto. Quando succederà?

Su questo i piani sono cambiati. L’Infopoint resterà in via Albertolli.

Come mai questa retromarcia?

Si è valutato che la soluzione migliore sia lasciare l’Infopoint dove si trova ora puntando a far rivivere il Broletto come spazio espositivo. Chi utilizzerà la sala al piano superiore per eventi e mostre, gestirà anche una sorta di infopoint temporaneo a piano terra fornendo indicazioni ai turisti, anche solo distribuendo le mappe della città in caso di necessità, indirizzandoli poi in via Albertolli per tutte le altre informazioni.

Nel 2021 torneranno anche le grandi mostre a Villa Olmo?

Già da dicembre Villa Olmo tornerà a essere sede di grandi mostre a partire dall’evento di Miniartextil e stiamo prendendo contatto con diverse società che organizzano mostre per riuscire a portare qui un evento l’anno prossimo. È ancora un progetto in divenire ma la certezza è che Villa Olmo tornerà ad ospitare grandi mostre.

Per iniziare, è confermata la mostra di ottobre preannunciata dall’ex assessore Carola Gentilini come “aperitivo” di un grande evento in collaborazione con gli Uffizi nel 2023?

Sì, la mostra si terrà in Pinacoteca tra ottobre e novembre e stiamo lavorando, grazie anche alla preziosa collaborazione con la Fondazione Volta, per riuscire ad anticipare l’evento del 2023 al 2022, scadenza del mandato dell’amministrazione.

Il 2022 sarà anche l’anno del ritorno a Como delle monete del Cressoni? A che punto è l’approvazione del primo lotto di lavori nella futura sede espositiva, l’ex chiesa delle Orfanelle?

Le monete sono ancora in fase di studio ma, tempi della Soprintendenza permettendo, non è fantasioso immaginare di esporle entro l’estate prossima. Il primo lotto di sistemazione dello spazio che le ospiterà è in fase di affidamento dopo che, grazie al mio collega dei Lavori Pubblici Pierangelo Gervasoni, si è riusciti a sbloccare la gara.

Tornerà anche la vita al Chiostrino di Sant’Eufemia (attivissimo centro culturale “abbandonato” a giugno dall’associazione Luminanda, che lo gestiva, alla luce di una concessione scaduta nel 2018 e di un nuovo bando mai pubblicato, Ndr)?

Il Chiostrino è inagibile e per ora non rientra tra le nostre priorità. Al momento siamo concentrati sulla riapertura del Broletto, di San Pietro in Atrio e dello Spazio Natta, lavori che devono partire entro l’anno. Appena sarà possibile ci occuperemo anche degli altri spazi, Chiostrino compreso.

Per quanto riguarda il Turismo, invece, a luglio parlava della necessità di rivolgersi a un consulente esterno perché in Comune mancano figure esperte in marketing territoriale. Conferma questa idea?

Sicuramente abbiamo bisogno di una società esterna, magari del territorio, che ci dia una mano a studiare un piano di marketing e stiamo cercando di individuare il soggetto ideale. Spero che l’attuale dirigente venga riconfermato nel suo ruolo in modo da poter impostare un lavoro concreto. Aggiungo anche che, tra i miei incarichi, c’è quello alle Relazioni Internazionali, settore completamente dimenticato in questi anni e invece strettamente legato al turismo. Abbiamo cominciato a riallacciare i rapporti e a rispondere alla corrispondenza inevasa ma, anche in questo caso, mancano le figure specializzate. Abbiamo però in mente qualche progetto e sono sicura che sapremo fare un buon lavoro.

L’ARTICOLO CHE HAI APPENA LETTO E’ USCITO SU COMOZERO SETTIMANALE: ECCO DOVE PUOI TROVARLO

TAG ARTICOLO:

Un commento

  1. Era partita con un’idea giusta (riportare l’infopoint al Broletto) ma siamo già alla retromarcia. Non benissimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: