Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Le visite mediche (quasi) impossibili: le nostre prove al telefono e online. “Nessuna disponibilità su Como”

Tempi d’attesa infiniti per molte prestazioni sanitarie negli ospedali del Comasco.

E’ quanto emerge, anzitutto, da un’analisi e un confronto delle liste di attesa relative a febbraio 2020 (pre-emergenza) e giugno 2020 (post-Covid) pubblicate da Asst Lariana.

Da subito, infatti, si nota un ritardo nell’erogazione di alcune visite mediche nelle strutture comasche parte dell’Azienda sanitaria che fa capo ad Ats Insubria, per quanto concerne il mese di giugno 2020.

Per un’ecografia dell’addome superiore, ad esempio, nel Poliambulatorio dell’ospedale di Cantù i giorni d’attesa sono passati da 0 a 103, mentre all’Erba-Renaldi di Menaggio si è passati da 77 a 142 giorni. Ancora, per una prima visita oculistica al Poliambulatorio di Olgiate a giugno erano necessari 130 giorni – rispetto ai 66 di febbraio. A Pontelambro, per una visita dermatologica-allergologica di controllo i giorni di attesa a giugno erano ben 125 – a fronte dei 64 di febbraio.

Andando oltre il mese di giugno, però, emergono altri lunghissimi tempi di attesa per molte prestazioni.
Come si diceva nella pagina a fianco, parliamo di parecchi mesi o addirittura di una mancanza di disponibilità sul territorio comasco.

Come prova, abbiamo contattato telefonicamente il servizio dedicato – il Contact Center Regionale – chiedendo informazioni sui tempi di attesa per alcune prestazioni. Inoltre, abbiamo provato a consultare alcune disponibilità sul sito online dedicato (prenotasalute.regione.lombardia.it).

Premessa doverosa per quanto riguarda le telefonate: in un solo caso avevamo a disposizione una ricetta con effettiva indicazione della priorità, mentre negli altri casi abbiamo chiesto informazioni per una prestazione di una determinata tipologia senza comunicare la categoria di priorità.

MAMMOGRAFIA ED ECOGRAFIA DELLA MAMMELLA

Per questa prestazione avevamo a disposizione una ricetta, con indicazione di priorità P – programmabile, ovvero da erogare entro 180 giorni. Contattando il servizio telefonico di prenotazione il 24 luglio, il primo posto disponibile per le due visite era a fine febbraio 2021 presso l’ospedale Sant’Anna. Dunque, 7 mesi di attesa.

VISITA OCULISTICA

Per prenotare una prima visita oculistica, chiedendo informazioni al numero telefonico regionale, il 27 di luglio ci viene comunicato che “al momento non ci sono disponibilità per questa prestazione sul territorio di Como”.
Controllando anche la disponibilità sul sito dedicato, nelle strutture di Asst Lariana il primo posto a disposizione era il 4 marzo 2021 ma solamente per priorità D – ovvero da erogare entro 30/60 giorni.

VISITA DERMATOLOGICA

Chiedendo telefonicamente informazioni sulla prima disponibilità per una visita dermatologica sul territorio comasco, il 27 di luglio, la risposta anche in questo caso è “al momento non ci sono disponibilità su Como”. E l’operatore aggiunge: “Purtroppo molte strutture su Como sono state bloccate causa Covid, quindi in aggiornamento sulle prestazioni”.

VISITA GINECOLOGICA

Per una prima visita ginecologica, contattando il numero regionale dedicato alle prenotazioni il 27 di luglio, ci viene comunicato che “all’ospedale Sant’Anna non ci sono disponibilità, risulta saturo e non si sa quando ripartiranno le visite”, all’ospedale Valduce “l’attesa è di un mese e mezzo ma dipende dalla priorità sulla ricetta”, al Poliambulatorio di Pontelambro ci sono 3 mesi di attesa, a Bregnano 6 mesi e infine all’ospedale di Erba “non vedo disponibilità in questo momento”.

VISITA ORTOPEDICA

Una prima visita ortopedica, senza indicazione della priorità, ad oggi richiede i seguenti tempi d’attesa presso l’ospedale Sant’Anna: 4 mesi per spalla, mano e polso; 5 mesi per caviglia e piede. Ci viene inoltre comunicato che “l’ambulatorio generale risulta saturo”.

ECOGRAFIA GINECOLOGICA

Abbiamo verificato, online, i tempi d’attesa per questa tipologia di ecografia restringendo la ricerca alle strutture di Ats Insubria e nello specifico di Asst Lariana. Risultato: primo posto disponibile al San Paolo Radiologia di Bregnano, l’11 dicembre 2020; fino a fine maggio 2021, nessuna altra disponibilità su Como.

RADIOGRAFIA

L’ultimo check è stato fatto per capire i tempi di attesa nel caso di radiografie al torace e al femore. L’unica struttura disponibile risulta essere l’ospedale di Menaggio, con appuntamenti tutto sommato accettabili a metà agosto 2020.
Da tutto ciò non si può non constatare un effettivo ritardo sull’erogazione delle prestazioni, che mette in difficoltà l’utenza. Ovviamente, considerando il fenomeno non solo limitato ad Asst Lariana ma a livello nazionale a causa dell’emergenza sanitaria.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: