Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como e Lombardia in zona arancione. Le regole: scuola, visite agli amici, bar, negozi e sport

Da lunedì 12 aprile Como e Lombardia sono in zona arancione.

Purtroppo siamo molto abituati alle restrizioni e le conosciamo bene ma una spolverata alle regole non fa mai male. Ecco cosa succede da domani

SPOSTAMENTI, SECONDE CASE, VISITE

Ci si può muovere all’interno del comune di residenza senza obbligo di autocertificazione. E’ possibile raggiungere la seconda casa anche fuori regione ma solo con la propria famiglia convivente, la residenza deve essere di proprietà o in regolare affitto. E’ possibile fare visita una volta al giorno ad amici e parenti all’interno del comune, con figli under 14 senza limiti numerici.

SCUOLA

Tornano in classe seconde e terze medie oltre alle superiori con didattica a distanza dal 50 al 75%.

BAR E RISTORANTI

E’ possibile solo l’asporto, fino alle 18 per i bar e fino alle 22 per i ristoranti. Eventuali deroghe saranno valutate, sulla base dei dati epidemici, solo dal 20 aprile

NEGOZI, CENTRI COMMERCIALI, PARRUCCHIERI

Riaprono tutte le categorie merceologiche. I punti vendita nei centri commerciali sono chiusi nei festivi e prefestivi a eccezione di lavanderie, alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole, librerie, farmacie e parafarmacie.

Riaprono parrucchieri, centri estetici e barbieri.

SI’ SPORT INDIVIDUALI, NO PALESTRE E NO PISCINE

Ok a passeggiate, corse e uscite in bici all’interno del proprio comune anche nei parchi. Ok sport individuali e non di contatto come tennis e golf. Le palestre e le piscine sono chiuse. E’ possibile raggiungere i centri sportivi anche fuori comune se assenti in quello di residenza.

Covid, Fontana fissa la fine dell’incubo in Lombardia: “Luglio, se ci saranno i vaccini”

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab