Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como, un “appalto” che funziona c’è: 4.800 nuovi lampioni, tornano le lampade storiche, luce sui monumenti

A gennaio è stato avviato il nuovo servizio di illuminazione pubblica voluto dalla giunta Landriscina che nel 2018 aveva acquisito i pali da Enel Sole e ha poi deciso di affidarne la gestione a Consip e quindi alla società Green City Lights.

Importanti i risultati sul campo illustrati oggi nella conferenza stampa a cui ha presenziato anche il giornalista tv Paolo Del Debbio che ha coordinato gli interventi (video sotto).

In pochi mesi: 4,800 pali già riqualificati sui 7200 della città, segnalazioni di guasti ridotte a un quarto e un importante lavoro di illuminazione artistica sui monumenti cittadini, senza dimenticare l’installazione delle lampade storiche con la tecnologia a led in via Vittorio Emanuele e via Rusconi.

C’è il primo sì: al Comune (con le buone o con le cattive) 8.600 lampioni Enel Sole

“Questo era un argomento che mi stava particolarmente a cuore – ha spiegato il sindaco Mario Landriscina – nulla è stato lasciato al caso, stiamo lavorando con aziende serie e in pochi mesi siamo riusciti a vedere i frutti di tanto lavoro. Sono soddisfatto ma continuerò a stare con il fiato sul collo a tutti”.

Il servizio di City Green Light ha una durata di 9 anni e riguarda la gestione e la manutenzione della pubblica illuminazione, comprensiva della fornitura dell’energia elettrica nonché dell’efficientamento energetico tramite la riqualificazione impiantistica. I costi a carico dell’amministrazione comasca saranno di 11milioni e 200mila euro in 9 anni (1milione e 700mila euro all’anno) mentre gli investimenti a carico del gestore valgono 5milioni e 500mila euro.

“A fine giugno erano già stati riqualificati 4.800 dei 7.200 pali cittadini con il passaggio alle lampade a led con luce verso il basso per diminuire l’inquinamento luminoso – ha spiegato l’ingegner Longoni – contiamo per fine anno di terminare il lavoro. Solo nel centro storico verranno mantenute le lampade in rame storiche che sono state adeguate con l’innesto dei led. Siamo riusciti anche a recuperarne una trentina che ripristineremo in via Vittorio Emanuele e via Rusconi dove invece in passato erano stati installati pali moderni”.

C’è poi un’interessante novità per quel che riguarda l’illuminazione dei monumenti storici. “Sono vent’anni che a Como si parla di illuminazione pubblica e finalmente abbiamo portato ai cittadini un servizio degno della città di Volta – ha commentato l’assessore Gervasoni – Per me però era fondamentale pensare anche ai tanti monumenti che abbiamo in città, per valorizzarli attraverso la luce. Per questo motivo è già stata riqualificata l’illuminazione del Monumento ai Caduti e prima dell’autunno si farà un lavoro analogo per la Casa del Fascio e la basilica di Sant’Abbondio. Inoltre stiamo valutando la possibilità di illuminare dall’anno prossimo alcuni tratti delle mura cittadine, in particolare Porta Torre e Torre Pantera”.

“E’ un onore e un piacere lavorare in questa città per la sua storia e il suo pregio – ha spiegato il direttore commerciale di Green City Lights Cosimo Birtolo – Il nostro primo obiettivo è l’adeguamento normativo e la messa in sicurezza dell’impianto ma anche far fruire al cittadino le strade in modo sicuro. Per noi inoltre è importantissimo il rapporto con il cittadino: il nostro numero verde è a disposizione tutti i giorni h24 per le segnalazioni”. E in questo senso i dati raccolti sono positivi. “In sei mesi è stato ridotto a un quarto il numero delle segnalazioni e dei guasti o disservizi – ha aggiunto l’ingegner Longoni – quando è stato attivato il servizio a gennaio avevamo 207 segnalazioni aperte, a giugno erano 57″.

3 Commenti

  1. Applausi per Mario II !
    Almeno una cosa buona l’ha fatta..
    Ora sistemare l’illuminazione di via oltrecolle e viadotto ballerino?

  2. Bene, direi che ce n’è abbastanza per dichiarare l’amministrazione Landriscina come la più splendente che la città ricordi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo