Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

L’astronave D&G prende il volo e saluta: restano prato cubista e darsena con stagno

Bene ma non benissimo, anzi: maluccio. Digerita l’ultima cucchiaiata di caviale, svitato l’ultimo bullone, partito l’ultimo furgoncino D&G, Villa Olmo, parterre e parco sono tornati in mano alla città, è bastato un rapido tour (foto della nostra Chiara Taiana, in perlustrazione ostinata e permanente) per accertare come le condizioni dei prati e della darsena non siano davvero eccellenti.

GALLERY

Una sorta di quadro cubista decora le aiuole, un’alternanza geometrica tra erba viva e morta descrive un panorama quasi surreale. Non fosse che è drammaticamente vero, così come lo erano le ampie rassicurazioni arrivate nei giorni scorsi. Promesse che ora, speriamo vivamente, vengano rispettate:

Villa Olmo, Comune e Dolce e Gabbana rassicurano: “Il verde sarà ripristinato”

Non solo praticelli picassiani. Anche la darsena non è stata riportata alle condizioni originali. Dragata per far spazio al pontile adesso presenta un ampio cumulo di sabbia e sassi che impedisce lo scarico della roggia , l’acqua è già stagnante:

GALLERY

EDIT: 16.40

“Abbiamo visto tutto – fa sapere l’assessore ai Parchi e Giardini, Marco Galli – stiamo cercando di capire come spianare la darsena e stiamo stimando tempi e modi di intervento sulle aiuole”. Sul fronte costi tutto coperto: “Come da accordi, visto che i danni erano preventivati Dolce&Gabbana ha già versato una cifra per la copertura delle spese, se fosse più alta del previsto compenseranno”.

Un peccato dover rifare prati appena inaugurati: “E’ un dazio che sapevamo si sarebbe pagato, non potevamo fare diversamente il cantiere era in corso e i lavori dovevano essere allineati. Non è stato possibile dire i prati li facciamo dopo”. Sui tempi di intervento bisogna aspettare: “Servono dei preventivi, poi programmeremo ma non ci vorrà molto”.

 

 

5 Commenti

  1. Una follìa aver concessocun prato appena rifatto e fatto agognare ai comaschi per mesi e mesi. Già lo scrissi. Erano dolce e gabbana ad avere bisogno di villa olmo non viceversa.Ora comaschi senza lido e senza prato. Complimenti

  2. Personalmente sono sempre stata convinta della sistemazipne immediata del prato da parte di D&G i. Perché non lasciare ia loro il compito diretto del rifacimento?
    I tempi sarebbero stati molto più celeri non dovendo essere soggetti ad appalti ecc.e certamente avrebbero potuto avvalersi di personale specializzato , sotto il controllo del Comine.

  3. Ok signori ! È prato ! Lamentiamoci piuttosto delle buche con l’amministrazione. Questo é stato una manna dal cielo per Como, avete idea quanto sarà l’introito che la città avrà da questa campagna???
    E come scritto era stato preventivato e adeguatamente rimbrosato.
    Smettiamola! questo è populismo becero , che COMO si ringiovanisca che diventi meta di giovani dal mondo e non continuamente schiava s di attempati e lamentosi locali

  4. Ma come? Il 9 luglio avete pubblicato su Comozero un articolo con il titolo “Passata la festa, il prato è perfetto”. In realtà non era difficile prevedere come sarebbe andata a finire. Incredibile l’assessore che dichiara: “E’ un dazio che sapevamo si sarebbe pagato, non potevamo fare diversamente”. Non si poteva fare diversamente? Bastava non concedere l’utilizzo del parterre per quelle installazioni. Spero bene che i responsabili risarciscano i danni. Il problema è che chi se lo può permettere pensa di sistemare tutto pagando; ma quelli che pagheranno saranno i cittadini di Como che per molte settimane non potranno godere di un prato per il quale hanno dovuto attendere molto tempo prima che l’erba fosse calpestabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: