Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Cultura e Spettacolo

Fabrizio Musa e Città dei Balocchi incantano Casa del Fascio: Sant’Elia, Terragni, Badiali, Pasta, Volta e Plinio. Proiezione imperdibile

Da ieri sera “Intangibile/Tangibile”, il progetto ideato all’interno degli eventi della Città dei Balocchi dall’artista comasco Fabrizio Musa in collaborazione con la curatrice Chiara Rostagno per illuminare alcuni monumenti e piazze della città con altrettante opere d’arte site specific, può dirsi finalmente completo.

La facciata della Casa del Fascio, infatti, da ieri fa da sfondo alla serie “Comaschi illustri” opera dello stesso Musa con i volti di Plinio il Vecchio, Alessandro Volta, Carla Badiali, Antonio Sant’Elia, Giuseppe Terragni e Giuditta Pasta a rappresentare idealmente la storia culturale della nostra città.

Dopo “Apparato Circolatorio” di Jago a Porta Torre (lo raccontiamo qui), l’aria “Sempre libera” della Traviata pennellata sulla facciata del Teatro Sociale da Andrea Greco, l’”Omaggio a Bruno Munari”curato da Massimo Malacrida in Piazza Volta e “The Last Supper.txt” dello stesso Musa sull’abside del Duomo il progetto di regalare bellezza portando opere d’arte nei luoghi più significativi della città può dirsi davvero completo.

E allora ecco le immagini (scatti sempre di Fabrizio Musa) in una gallery sfogliabile:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo