Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Mascherine care e introvabili. De Filippis (Farmacisti): “Da 60 centesimi a quasi 4 euro, anche noi vittime”

Mascherine care e introvabili. De Filippis (Farmacisti): "Da 60 centesimi a quasi 4 euro, anche noi vittime"

VIDEO TALK Mascherine care e introvabili. De Filippis, presidente dei farmacisti di Como: "Da 60 centesimi a quasi 4 euro, anche noi vittime".I dettagli nell'articolo, su ComoZero.it: https://wp.me/p9EgDi-jrfL'intervista, di Tania Gandola.

Pubblicato da ComoZero su Mercoledì 1 aprile 2020

Mascherine protettive quasi irreperibili sul territorio italiano: una questione che riguarda anche il Comasco, dove i cittadini testimoniano la difficoltà di acquisto nelle farmacie. Il problema riguarda, però, anche i farmacisti stessi.

Ospite a ComoZero VideoTalk, Giuseppe De Filippis (presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Como intervistato da Tania Gandola) ha fatto chiarezza.

“Le prime vittime della mancanza cronica di mascherine sono proprio i farmacisti – spiega il dottor De Filippis – ne hanno stretta necessità, insieme agli operatori sanitari, ma non ne trovano. Nonostante da due mesi si registri questa mancanza e ogni giorno si sentano Ministri o Protezione Civile che annunciano la distribuzione di dispositivi sanitari, ad oggi non ci è stato fornito nulla”.

“Anche i nostri distributori intermedi, che già da mesi hanno fatto ordinazioni molto consistenti di mascherine, se le sono viste bloccare per svariati motivi – continua il presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Como – molti farmacisti stanno riutilizzando da più settimane la stessa mascherina, perché non ne hanno altre a disposizione”.

Il problema non si limita solo alla reperibilità delle mascherine ma anche ai prezzi del bene, creando così delle “situazioni grottesche” – come testimoniato dallo stesso dottor De Filippis.

“Come farmacia abbiamo ricevuto proposte da svariati fornitori, con richiesta di pagamento anticipato: mascherine che fino a pochi mesi fa venivano vendute a 60 centesimi l’una, adesso costano più di 3 euro solo perché hanno la particolarità di essere lavabili. Alcune di queste proposte si sono poi rivelate vere e proprie truffe, è stata inviata merce che non aveva i requisiti previsti dalla legge ma ci sono stati casi in cui la merce che non è proprio arrivata”.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: