Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Da oggi Como ha due nuove panchine rosse contro la violenza sulle donne

Una donna uccisa dalla violenza di un uomo lascia un vuoto che deve essere ricordato, per educare al rispetto e sensibilizzare soprattutto le generazioni future.

E Como celebra oggi la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne con l’inaugurazione di due nuove panchine rosse, il colore del sangue, per ricordare quel posto che ogni donna scomparsa avrebbe occupato.

 

La prima, collocata nel Passaggio di Santa Caterina (il tratto pedonale che collega via Masia a via Borgovico) è stata donata dalla classe del ’60 in occasione del suo sessantesimo compleanno insieme alla ditta Athena di Cantù, che ha donato anche un nuovo cestino per i rifiuti.

Presenti all’inaugurazione, l’assessore alla Sicurezza Elena Negretti, la presidente del Consiglio Comunale Anna Veronelli, il titolare della ditta Athena Davide Moretti e, per la classe del ’60, la Rosa d’Oro Rosanna Bernasconi, l’ideatore dell’iniziativa Roberto Bordoni e Mirco Mantovani.

La seconda è stata invece realizzata in fondo alla passeggiata Lino Gelpi evidenziando con il colore rosso un tratto delle frequentatissime panchine semicircolari che guardano il lago.

A donarla, la sezione comasca del club di servizio Soroptimist International presente all’inaugurazione, insieme all’assessore Negretti e a Anna Veronelli, con due rappresentanti.

TAG ARTICOLO:

2 Commenti

  1. La questione della violenza maschile sulle donne non si risolve e non si affronta con il teatrino delle panchine rosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab