RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità, Sanità

Potenziati i punti tampone in tutta la Lombardia: ma la Regione si dimentica di Como

“Le Ats e le Asst si stanno organizzando per potenziare l’offerta di prelievo di tamponi, in modo da rispondere alla domanda proveniente dalle diverse fonti: casi sintomatici, guarigione, chiusura quarantene, sorveglianza, estero”. Così il responsabile della task force tamponi Guido Grignaffini, incaricato dalla vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare Letizia Moratti di coordinare l’attuale straordinaria richiesta di tamponi Covid.

Purtroppo, come da elenco sotto, Ats Insubria potenzierà solo Varese ignorando del tutto Como dove la situazione, ben lo sappiamo è complicatissima da giorni. Previsto infatti un nuovo centro a Gallarate e annunciato un nuovo punto tamponi per Varese città.

“Le azioni – conclude Grignaffini – riguardano in generale l’apertura di nuovi centri, in collaborazione anche con privati accreditati e cooperative di Medici di Medicina Generale (MMG), oltre all’estensione oraria e all’aumento delle prestazioni nei fine settimana in tutti i centri esistenti “Condivido con la vicepresidente Moratti – conclude il responsabile della task force tamponi – l’apprezzamento per il crescente impegno dei medici di base, sia presso i propri ambulatori, sia nei punti tampone”.

Di seguito le azioni previste per ogni ATS della Lombardia.

MILANO – Almeno 4 nuovi centri a Trenno, Rho-Fiera, alta Martesana, lodigiano ed estensione oraria per i centri esistenti, oltre a maggiore copertura nel fine settimana. Incremento atteso tamponi: per la prima settimana di gennaio +10/15.000, a regime dal 10 gennaio +45.000 a settimana.

BERGAMO – 1 nuovo centro già operativo (Antegnate), un ulteriore centro dal 10 gennaio. Incremento atteso tamponi: +4.500 settimana.

BRESCIA – 1 nuovo centro a Iseo. Incremento atteso tamponi: +4.800 a settimana.

BRIANZA – 4 nuovi centri di prossimità gestiti da cooperative di MMG a Vedano, Cesano Maderno, Besana e Nova Milanese. Incremento atteso tamponi: +3.900 già effettivo, +2.500 dal 10 gennaio.

INSUBRIA – 1 nuovo centro attivato a Gallarate, in previsione punto a Varese gestito da cooperative di MMG. Incremento atteso tamponi: +4.100 a settimana.

MONTAGNA – 2 nuovi centri in attivazione a Edolo e Villa di Tirano. Incremento atteso tamponi: +1.600 a settimana.

PAVIA – 1 nuovo centro a Montescano. Incremento atteso tamponi: +1.100 a settimana.

VAL PADANA – Incremento atteso tamponi: +500 a settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

3 Commenti

  1. Un applauso e un ringraziamento ai nostri migliori politici …che i voti li prendono altrove …sic

  2. Eh già come al solito Como è l’ultima ruota del carro va bene per prendere voti ma poi chi se ne frega… D’altronde si è già visto con il pedaggio della tangenziale e poi con l’ex ospedale… Anche lì forse con i tempi di attesa che ci sono per le visite servirebbe avere un altro ospedale! Per non parlare poi di un’altro centro tamponi spero solo che poi il somaro comasco queste cose se le ricordi quando bisogna votare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo