Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Quel fagotto bianco sotto le mura, allertata la Cri. “Che aspettiamo a dare un ricovero, il morto?”

“Che aspettiamo a dare un ricovero? Il morto”.

Poche parole ma forti – anzi, “un pugno nello stomaco” – quelle con cui un nostro lettore segnala quanto visto stamattina nel fazzoletto verde sotto le mura di via Nazario Sauro, a Como.

Un fagotto bianco, accartocciato sopra una panchina, rimasto pressoché immobile nei due momenti in cui il cittadino è passato dalla zona per motivi propri: attorno alle 8 di questa mattina e poi ancora alle 9.30 circa.

Sotto quel piumone bianco di fortuna, una ciabatta e un cartoccio bianco, forse di latte. L’intera esistenza di un senzatetto, a fine novembre, in città.

E’ stata avvertita la Croce Rossa Italiana mentre si attende l’apertura del dormitorio invernale nell’ex caserma di via Borgovico, peraltro al centro di petizioni e proteste da parte dei residenti.

Firme contro il dormitorio in Borgovico. Rapinese: “No ai malefici dell’immigrazione clandestina”

Una comunicazione ufficiale ancora non c’è sull’avvio del servizio concordato tra Provincia (proprietaria dell’immobile), Comune, Caritas e Comboniani, probabilmente con l’ausilio di personale volontario. Si era inizialmente parlato di un’apertura già in questo fine settimana, al più tardi dovrà avvenire nei prossimi giorni.

TAG ARTICOLO:

2 Commenti

  1. Ma a Como esiste un sindaco? È stato un infettato dal “sonno eterno” ?
    Immobilismo e nullità , ecco il motto di questo personaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: