RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità, Politica

Stupro nella cabina telefonica, Locatelli (Lega): “Vergognoso, dobbiamo bloccare i clandestini”. Poi dà ragione (a metà) a Rapinese

“Lo stupro avvenuto a Como è un atto vergognoso che ancora una volta mette in luce la grave situazione che stiamo vivendo. Migliaia di clandestini continuano a sbarcare indisturbati: questa non è integrazione e non è accoglienza, ma una situazione preoccupante, che deve essere bloccata, senza più aspettare”. Così la consigliera comunale comasca e assessore regionale lombarda, Alessandra Locatelli dopo l’atroce episodio di due giorni fa: Como centro, 58enne aggredita e violentata in una cabina del telefono. Arrestato 40enne.

“Ha ragione il sindaco di Como quando parla di situazione insostenibile per la sicurezza dei nostri cittadini, penso comunque che la splendida Sardegna e l’incantevole Barbagia non possano diventare luoghi dove mandare i clandestini, perché non dobbiamo proprio farli sbarcare nel nostro Paese, dobbiamo cambiare le cose e potremo farlo solo dopo il 25 settembre”. Locatelli si riferisce alle parole di Rapinese in un intervista al quotidiano La Provincia e ieri duramente contestate dal Pd: Violentata nella cabina telefonica, Lissi e Fanetti (Pd): “Posti solo per donne nei dormitori di Como. Sicurezza, Rapinese parla come un Salvini qualsiasi”.

Prosegue Locatelli: “La sicurezza dei cittadini di Como e di tutto il nostro Paese richiede una presa di posizione forte, che ad oggi solo la Lega ha saputo intraprendere. È necessario reintrodurre i decreti sicurezza, che si sono dimostrati strumenti validi per arginare gli sbarchi incontrollati e difendere i confini e che la sinistra ha voluto polverizzare. Inoltre dobbiamo assumere 10.000 fra poliziotti e carabinieri per il controllo del territorio e la sicurezza dei cittadini, che oggi è una priorità insieme all’emergenza economica, sociale ed occupazionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 Commenti

  1. In campagna elettorale la Lega sfodera sempre il tema della sicurezza e lo associa agli immigrati clandestini o meno. La Lega non ha molti altri argomenti. Se parla di Sanità si è costretti a pensare alla pandemia, alla medicina del territorio e alla debacle di Fontana & C.; se si parla di politica estera, si finisce per parlare delle amicizie pericolose dei più stretti collaboratori del Segretario, se si parla del politica nazionale si finisce per discutere con uno dei Partiti, la Lega, che è stato più tempo al Governo e meno all’opposizione. Alla fine, parlare di un episodio di microcriminalità tra extracomunitari, consente di sfornare la solita zuppa sempre uguale e sempre più stracotta.

  2. Un po’ vergognosi anche i bravi comaschi che, passando di lì, hanno fatto finta di niente e nn hanno nemmeno avvisato la polizia, no? Ci volevano due sig.re ucraine per questo

  3. Ormai lo schifo della politica PD si tocca con mano e non solo per quanto riguarda i clandestini, gli Italiani, in questi anni di governo della Sinistra, hanno potuto “apprezzare i danni” di una classe politica indecente e inadeguata.

    1. Vai Sergio, facci sognare. Mandali tutti nei campi di concentramento, falli bastonare, fali soffrire ….quelli del PD intendo…. 😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo