Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Tra vino, bocce e cucina la nuova vita della Cooperativa Moltrasina. Antonella: “Prima stare bene insieme, poi il business”

La Cooperativa Moltrasina si prepara a riaprire con un nuovo look.

Il locale, nato come spaccio alimentare e diventato nel tempo un luogo di aggregazione per la gente del paese, è una vera e propria istituzione per il territorio e dopo la chiusura dovuta al Covid inaugurerà i suoi spazi rinnovati il prossimo 29 maggio.

“Dalla nascita della Cooperativa Moltrasina ci sono stati tanti cambiamenti – racconta la presidente del Consiglio, Antonella Vanini – nel tempo si è infatti ampliata, arrivando ad avere un negozio a fianco e e ad accogliere i clienti con la trattoria. Abbiamo chiuso a marzo 2020, approfittando di questi mesi per fare vari lavori di sistemazione: avremo una nuova cucina a vista e un forno a legna per la pizza all’aperto”.

Verranno dunque mantenuti gli arredi storici dei locali, in stile liberty, a cui si aggiungono i nuovi spazi con altre destinazioni. Lo spirito della Cooperativa Moltrasina, nata nel 1902, sarà però sempre lo stesso. “Teniamo molto all’aspetto socioculturale – aggiunge – vogliamo che la cooperativa non sia solo un bar-trattoria ma anche un luogo dove le persone del territorio possano incontrarsi e trascorrere pomeriggi in compagnia, a giocare a carte o bere un buon bicchiere di vino. D’altronde siamo nel centro del paese, un punto di passaggio non solo per la popolazione ma anche per i turisti”.

Perché, appunto, la cooperativa oltre ad accogliere i cittadini vuole anche diventare un luogo di ritrovo per i villeggianti di Moltrasio e dei paesi vicini. “Restando un centro diurno, vogliamo comunque far sì che possa essere frequentato anche dai turisti – osserva Antonella – Moltrasio ha sempre più case vacanza, quindi speriamo che il turismo possa riprendere al più presto. Alla Cooperativa abbiamo spazi molto grandi, tra il bocciodromo e il cortile, e possiamo accogliere tutti”.

Altra novità per questa riapertura è la gestione: Eugenio Pasta, imprenditore milanese della Universal Selecta e con casa a Urio, ha infatti deciso di investire nella Cooperativa Moltrasina per darle nuova vita. “La location ha tante funzioni – ci spiega – ristorante, pizzeria, birreria ma anche luogo d’incontro, pensiamo infatti di organizzare eventi di varia natura negli spazi della bocciofila. Sarà a disposizione delle aziende ma anche di tutti coloro che vorranno utilizzarlo per incontri e iniziative”.

La Vecchina di Moltrasio is back: torte, panini e sorrisi. Marco: “Ricominciamo, la gente ci vuole bene”

Per quanto riguarda il legame della cooperativa con il turismo, il nuovo gestore aggiunge: “Pensiamo di dare un servizio anche agli stranieri che visitano il nostro territorio, creando un’unione anche con gli altri locali ed esercizi pubblici del paese. Sarebbe utile anche introdurre un servizio di navetta per i turisti, per far sì che possano lasciare l’auto nei parcheggi vicino a Como e arrivare comodamente nel centro di Moltrasio. Così il paese non sarebbe intasato dal traffico dei veicoli, visti anche i posti limitati”.

“Ad ogni modo – conclude Pasta – la Cooperativa Moltrasina deve restare un luogo che crei aggregazione. L’obiettivo principale non è il business della ristorazione ma l’apertura dei locali per tutti i soci e coloro che vogliono trascorrervi del tempo”.

L’ARTICOLO CHE HAI APPENA LETTO E’ USCITO SU COMOZERO SETTIMANALE: ECCO DOVE PUOI TROVARLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo