Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

VIDEO Covid e chiusure, Conte: “Nessun criterio arbitrario, misure contro contagio esponenziale”

Il presidente del Consiglo, Giuseppe Conte, questa mattina – 29 ottobre – ha informato il Parlamento su genesi ed effetti del Dpcm del 24 ottobre scorso.

“Non abbiamo agito per criteri arbitrari, ci siamo attenuti a evidenze scientifiche – ha detto il premier nel discorso alla Camera – Abbiamo inviato la bozza agli esperti al Cts che hanno condiviso i provvedimenti del Dpcm”.

Sulle manifestazioni di protesta, Conte ha detto che “le sospensioni delle attività non deriva dalle mancate attuazioni delle misure di sicurezza o perché non ritenute non essenziali, ma per l’esigenza di ridurre un contagio diffuso ed esponenziale”.

“Anche la didattica a distanza almeno al 75% ci è costata molto”, ha aggiunto Conte.

Su teatri, cinema e luoghi di cultura, inoltre, il presidente del Consiglio ha sottolineato che “il governo è consapevole degli immani sacrifici di questi lavoratori, siamo sensibili alle proteste e ai sentimenti di frustrazione che vengono espressi in questi giorni in tutta Italia perché le persone temono per il loro futuro; per questo abbiamo ritenuto giusto confrontarci con le categorie più penalizzate per spiegare loro le ragioni e le proposte di ristoro e di indennizzo”.

Confermato il termine “della metà di novembre” per la prima tranche di indennizzi direttamente sul conto corrente di chi ne aveva già diritto.

Quo sotto il video dell’intervento integrale.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: