Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Covid – Gallera contro Alfieri: “Mai nascosto i dati sull’epidemia. Polemica nulla”

“La Regione non ha mai nascosto nulla. Dati analitici e dettagliati vengono comunicati ogni giorno ai soggetti istituzionali di riferimento quali Prefetture e Sindaci attraverso flussi informativi specifici e cruscotti personalizzati che consentono addirittura di geo-referenziare i casi positivi e i loro contatti”.

Così, in una nota, l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, risponde alla durissima presa di posizione del senatore Dem, Alessandro Alfieri.

Questa:

Lockdown locali in Lombardia, Alfieri attacca Fontana: “Per capire se servono fornisca subito dati precisi”

“Il Presidente Fontana, inoltre – aggiunge Gallera – incontra con cadenza ormai settimanale i rappresentanti di Anci Lombardia e i sindaci dei Comuni capoluogo, con i quali il dialogo è sempre aperto, fornendo un quadro dettagliato della situazione avvalendosi dei tecnici della Direzione Generale Welfare. Incontri analoghi si svolgono con continuità anche con i capigruppo di maggioranza e di minoranza in Consiglio Regionale”.

“La polemica sulla trasparenza dei dati – conclude Gallera – è dunque basata sul nulla. Gli organi istituzionali deputati a valutare la situazione e ad assumere decisioni hanno tutti gli strumenti per farlo”.

4 Commenti

  1. Secondo Gallera, trasmettere i dati = direi quanti morti, quanti casi e quanti ricoverati.

    Non siamo alle scuole elementari, se si sforza potrebbe fare qualcosa in più.

  2. Io credo a Gallera. Non ha nascosto nulla che non sapesse, il problema è che non sapeva nulla e non sa nulla. Poverino cosa può farci.
    Gli aspetti più tragici della gestione sanitaria della Lombardia è l’assoluta mancanza di informazioni e l’assoluta incapacità nella gestione dell’emergenza. I vaccini antinfluenzali, i ritardi nella comunicazione dei tamponi, le lacune dell’organizzazione territoriale sono ormai evidenti a tutti come l’incapacità di fornire informazioni strutturate e periodiche del contagio. Sono evidenti tutti meno che a Gallera che non sapendo nulla come fa a capire le lacune? Questo è il problema.

  3. Ma ci fa o ci è??
    Dove sono i dati dell’età media dei morti, delle patologie pregresse, della gravità di tali patologie, della tossicità delle terapie farmacologiche in atto prima del ricovero?????
    È possibile paralizzare una nazione senza fornire tali dati essenziali per capire la reale situazione???
    Ma la magistratura trova tutto normale???

  4. Eh si probabilmente è solo che il Sig. Gallera non va troppo d’accordo con i numeri anzi ci litiga spesso con i numeri… come quando diceva che servivano due persone positive per contagiarne una!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: