Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Il partito di Calenda attacca: “Forza Italia sfiduci il sindaco. O Landriscina si dimetta”

Anche il neonato nucleo politico di Azione, il partito fondato da Carlo Calenda, prende posizione sulle fortissime fibrilazioni che scuotono maggioranza e giunta di Palazzo Cernezzi.

Salta il consiglio, giunta Landriscina sull’orlo della crisi. Forza Italia assente: “Non temiamo le elezioni”

“A Como si assiste in questi giorni allo spettacolo indecoroso delle sedute del consiglio comunale sul bilancio che vengono disertate per ripicca da componenti della maggioranza – attaccano i calendiani – con spreco di tempo, denaro pubblico e disprezzo della dignità del Consiglio stesso”.

“A giudizio di Azione – prosegue la nota – appare evidente che le responsabilità vanno equamente suddivise tra un sindaco incapace di fungere da punto di sintesi delle diverse istanze politiche e gli smodati appetiti delle medesime, che si sono rivelate nel tempo concentrate unicamente sull’occupazione di posizioni e nomine, non già sulla realizzazione dei progetti presentati agli elettori nel programma elettorale”.

Da Camilla a Kevin, ecco i comaschi di Calenda. I volti, le storie: “La politica? Non è un tweet”

E poi ancora attacchi sulla “litigiosità insensata che danneggia la soluzione dei tanti problemi della città, se non fosse che la giunta Landriscina ha dato tali e tante prove di incapacità amministrativa da rendere questa preoccupazione inutile”.

Tra Coronavirus e Forza Italia, la lettera di Landriscina: “Aprire la crisi ora? Forse state sbagliando momento”

Vengono poi citati singole questioni specifiche, da “l’assurdo e costoso spostamento dell’infopoint al Broletto, alle innumerevoli strutture abbandonate oppure ristrutturate e lasciate vuote, la caotica gestione della piscina di Muggiò, il piano del traffico cancellato e ancora assente, i parcheggi promessi e mai realizzati”.

Risultato, secondo Azione Como, “un livello di incompetenza palese” e “le conseguenze deleterie” per la città.

Dunque l’appello finale. Da un lato principalmente a Forza Italia, chiedendo “un minimo di coerenza” e invitando i forzisti a “votare la sfiducia anziché perdere la faccia in giochini di palazzo che, francamente, si sono protratti troppo a lungo e hanno stufato”.

“In alternativa – chiudono gli estensori del documento – suggeriamo al sindaco di mostrare maggiore dignità rispetto alla cosiddetta maggioranza di cui evidentemente non è più espressione presentando le proprie dimissioni anziché barcamenarsi goffamente, accentuando la già grave condizione di impotenza che continua a danneggiare la città”.

2 Commenti

  1. “In alternativa – chiudono gli estensori del documento – suggeriamo al sindaco di mostrare maggiore dignità rispetto alla cosiddetta maggioranza di cui evidentemente non è più espressione presentando le proprie dimissioni anziché barcamenarsi goffamente, accentuando la già grave condizione di impotenza che continua a danneggiare la città”.
    Assolutamente d’accordo ma credo che la “condizione di impotenza che continua a danneggiare la città”, non dipenda solo dal comportamento di Forza Italia ma sia stata la costante del Sindaco e della sua maggioranza dal primo giorno in cui hanno iniziato a governare la città.
    Mi auguro che il nuovo partito abbia in mente qualcosa per tirarci fuori dal guado oppure sia disponibile a mettersi in gioco con chi sarà della partita per creare un’alternativa alla mediocrità di chi sta affossando la città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: