Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Salta il consiglio, giunta Landriscina sull’orlo della crisi. Forza Italia assente: “Non temiamo le elezioni”

“Mi è stato riferito che qualcuno ha sollevato una questione di dignità rispetto alle nostre assenze in consiglio comunale (ieri sera, il vicesindaco Adriano Caldara della Lega, ndr). Ma perché, forse la dignità di Forza Italia e dei tanti elettori che ci hanno votato non vale?”.

Il capogruppo a Palazzo Cernezzi dei forzisti, Enrico Centiempo, non ci sta a passare, con i colleghi, per il cattivone di turno nonostante le tre assenze in massa del gruppo (eccetto la presidente dell’assemblea, Anna Veronelli). Assenze ripetute anche stasera, 27 febbraio, dopo le prime due volte, tanto da far mancare il numero legale per l’inizio del consiglio comunale di Como sul bilancio, sia alla prima chiamata (solo 15 presenti), sia alla seconda (solo 16). Seduta deserta, tutti a casa.

“Non abbiamo chiesto noi posti in giunta o chissà cos’altro – spiega a caldo Cenetiempo – Basta vedere i fatti: è stata convocata una riunione dal sindaco a inizio febbraio (qui la sintesi) . Dopo mesi, praticamente dal nostro addio alla giunta del novembre 2018, ci si è confrontati sul futuro, su eventuali punti programmatici da condividere, sui temi aperti della città. Risultato? Il silenzio assoluto da quel momento fino a oggi, altro che rimpasto. E noi, a subire questo trattamento, non ci stiamo”.

La crisi va in stato permanente. Forza Italia: “Fuori dalla giunta, non siamo marionette”

“La nostra disponibilità a dare suggerimenti, consigli, aiuti c’è e c’è stata. Ma è sempre stata ignorata – aggiunge il capogruppo azzurro – Abbiamo detto: mettiamo alcuni temi sul tavolo, dall’illuminazione, alla manutenzione delle strade, fino alla riapertura di arterie fondamentali come via per San Fermo che finora è sembrata un’impresa impossibile. Senza parlare della nostra mozione per il parcheggio in Ticosa, rimasta lettera morta.  Un fatto inaccettabile, proprio come tutte le altre volte in cui ci siamo trovati davanti ad altri temi spuntati dal nulla su cui non siamo mai stati coinvolti nemmeno come gruppo di maggioranza. Mi spiace ma non si lavora così in una coalizione”.

Il bizzarro mix Forza Italia-Traglio-Sindaco-Aleotti porta 150 parcheggi “subito” in Ticosa

Sta di fatto che ormai sembra un supplizio ogni seduta di consiglio comunale, con il gruppo di Forza Italia assente e la maggioranza costretta a traballare o a non avere del tutto i numeri per iniziare le sedute o comunque approvare le delibere in discussione. Tra cui, in questi giorni, il bilancio. Ossia uno dei pochissimi documenti dell’amministrazione che, se non approvati, possono portare alle elezioni anticipate.

“Non abbiamo nemmeno noi alcuna intenzione di andare avanti così all’infinito, è ovvio – precisa Cenetiempo – Ma non siamo più disposti a prendere pesci in faccia da nessuno. Non abbiamo nessun timore di andare a casa o al voto. Se non passasse il bilancio? Sarebbe il frutto del mancato riconoscimento della nostra dignità politica e di quella dei nostri elettori da parte del sindaco e, in fondo, anche da parte degli altri partiti di maggioranza”.

Peraltro, nel clima tesissimo di queste ore si è alzata la voce di un altro consigliere azzurro, Luca Biondi che chiede all’amministrazione di spiegare dove sia finita un’iniziativa fortemente volute dal gruppo.

“In fase di approvazione del Bilancio – spiega – lo scorso anno abbiamo presentato un Ordine del Giorno che destinava 50mila euro alle Politiche Giovanili per una Dote Merito da dedicare agli studenti di medie e superiori che si distinguono per risultati scolastici”.

Nulla di fatto, denuncia Biondi: “L’Ordine è rimasto lettera morta, vogliamo capire se almeno le piccole cose che proponiamo possano essere accolte e attuate”.

14 Commenti

  1. povera Canova, mi spiace vedere una ragazzina non poter dimostrare le proprie qualità ma assecondare il suo capo gruppo, ormai si è fatta immolare per ragioni che nemmeno lei ha capito, al suo posto per dignità abbandonerei il gruppo e migrerei al misto in modo che può decidere lei non gli altri per lei

  2. Quanta lega e destrossi in questi commenti, nessuno parla dell’incapacità del sindaco di fare il politico, pensa ancora di essere un dirigente ATS a cui è necessario dire di sì se no ti caccia!

  3. La giovane età sicuramente influisce,non è facile trovare il coraggio di dire no quando due personalità come Caprani e Cenetiempo (con la supervisione di Fermi) ti impongono cosa fare.
    Quello che non capiscono è che non basta aver un bel viso è una faccia pulita per fare politica,la gente di ta fiducia la prima volta ma poi valuta quello che fai e come ti comporti.
    La giovane ragazza non si rende conto che la stanno portando a sparire politicamente e non escludo che lo stiano facendo apposta per togliere una rivale da mezzo.
    Vi vantate di un atteggiamento coerente ma in realtà è proprio il contrario,Cenetiempo probabilmente non si candiderà più è sta tentando ora il tutto per tutto,possibile che i suoi giovani consiglieri non lo capiscano?

  4. La vecchia volpe Veronelli con la scusa del ruolo istituzionale non partecipa a nessuna iniziativa assenteistica di Forza Italia mentre la giovane Canova si fa tirare dentro in questi stupidi giochi politici dove chi ci rimette è solo la città!!! Questa non è la Forza Italia che ho votato e rimpiango i vecchi consiglieri come Gaddi che mai e poi mai si sarebbero prestati a questi giochetti di potere del partito.
    Consiglieri giovani sveglia non avete più 18 anni!

  5. Che pena Forza Italia,parlano di dignità politica ma la vostra dignità cittadina?
    Tutti comportamenti atti a voler raggiungere obiettivi personali…
    Da Biondi me lo aspettavo,ma dalla Canova no!!! Possibile che tutte le persone che la circondano non riescano a farle capire che Cenetiempo e company la stanno usando per mettere i loro amici assessori!?!?!

  6. Avete voluto questo “nuovo” modo di far politica, dove la si fa dappertutto tranne che nelle sedi istituzionali,non lamentatevi poi se il Consiglio Comunale salta per mancanza del numero legale,grosse responsabilità le ha però anche il sig. Sindaco incapace di dialogare in maniera propositiva con la Sua maggioranza,Landriscina probabilmente non dialoga con nessuno al di fuori di qualche componente della sua giunta è questo oltre ad essere una grave incapacità politica è allo stesso tempo un grosso guaio per Lui e per la città.

  7. Ma il lavoro non dovrebbe essere rispettato? Le assenze sono giustificate? Non ci sono gli estremi per reprimere questa prassi scorretta e costosa per la città? Prossime riunioni: precetto. E chi non ci sarà, fuori.

  8. caro Cenetiempo,comunque me ne guarderei bene dal rivotare Forza Italia, state facendo proprio una bella figuraccia, non meritate il consenso elettorale ne mi rappresentate più

  9. Ammazza che idee ha messo sul tavolo il gruppo di Forza Italia: l’illuminazione, la manutenzione delle strade, i parcheggi in Ticosa e infine le borse di studio per gli studenti meritevoli. Oltre a questo non esiste altro?
    Si comincia a capire come sia stata possibile la rapida decadenza della città: da un lato le toppe alle strade, dall’altro botte ai migranti e nessuna pietà per i senza tetto, nel mezzo i soliti interessi di bottega. Con questi ingredienti cosa ci si poteva aspettare?
    Speriamo che la Como migliore scenda in campo e spazzi via questa mediocrità.

  10. E’ chiaro che o sono in cerca di assessori ma allora chiedano un rimpasto o si stanno PDzzando sapendo che è solo masochistico per loro tornare a votare

  11. Caro Cenetiempo se il bilancio non venisse approvato, sarebbe sarebbe il frutto della vostra spocchia e presunzione. Se avete il coraggio delle vostre azioni, andate in Consiglio e votate contro l’approva del bilancio, oppure dimetteteti tutti quanti voi di Forza Italia, ma smetterla di fare i capricci, i bambini hanno molta più dignità e serietà di voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: