Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Lega, Locatelli: “Si chiedono dormitori solo perché fa notizia”. Sui cancelli anti-senzatetto: “Garanzia di decoro”

A due giorni dal voto del consiglio che in larga maggioranza (fatta eccezione soltanto Lega, lista Rapinese Sindaco e civica Insieme per Landriscina) ha bocciato la proposta del gruppo salviniano per mettere una grata anti-senzatetto al portico di San Francesco, torna a tuonare l’ex vicesindaco di Como ed ex ministro Alessandra Locatelli. La quale stronca ancora una volta l’ipotesi di un nuovo dormitorio permanente in città, peraltro chiesta da una mozione approvata trasversalmente in aula nel luglio 2019 (sempre esclusi leghisti, rapinesiani e civica del sindaco).

Il consiglio boccia il cancello anti-senzatetto a San Francesco. Solo Lega e Rapinese favorevoli

“Garantire la sicurezza dei nostri cittadini è un dovere, chi oggi a Como continua a parlare di nuovi dormitori solo perché fa più notizia – sbotta Locatelli – e vota contro la proposta della Lega di mettere cancelli davanti a chiese, palazzi e portici, dimentica che, anche attraverso questi semplici ausili è possibile limitare il degrado e garantire il decoro della città”.

Parole che forse faranno fischiare qualche orecchio anche tra gli alleati di centrodestra – Fratelli d’Italia e Forza Italia in primis – che hanno appunto votato no alla grata.

“Ci sono molti esempi di chiese e palazzi in tutti i comuni che lo dimostrano – aggiunge Locatelli – L’invasione di clandestini che questo governo incapace sta consentendo sulle spalle degli italiani, ed i continui sbarchi, creano solo situazioni di tensione, rischio e degrado che devono essere ben distinte da politiche che si rivolgono alla grave marginalità di cittadini italiani e stranieri in regola”.

Un commento

  1. L’Onorevole Locatelli parla come se la cancellata di San Francesco e l’allestimento del dormitorio siano ancora in discussione. Non è così. La maggioranza del Consiglio comunale ha accolto la richiesta di allestire un dormitorio comunale e ha respinto la costruzione di una cancellata che delimitasse il portico di San Francesco. La sua è l’opinione rispettabilissima della minoranza del Consiglio Comunale. Adesso è necessario procedere senza indugi, come votato dalla maggioranza del Consiglio Comunale, all’allestimento del dormitorio. 😊

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: