Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Piscina di Muggiò, Forza Italia striglia Fratelli d’Italia: “Accusano altri ma in giunta c’erano loro, non noi”

Forza Italia sbatte il pugno di ferro – ma adeguatamente guantato di velluto – sulla vicenda della piscina comunale di Muggiò, come noto chiusa dal luglio del 2019. A far scattare il riflesso politico degli azzurri, in particolare, la conferenza stampa solitaria degli alleati di Fratelli d’Italia di lunedì scorso.

Non è andato giù a Forza Italia il tono usato dal coordinatore provinciale dei meloniani, Stefano Molinari, e dal capogruppo in consiglio Matteo Ferretti che nel corso dell’incontro hanno ripetutamente (benché spesso indirettamente) puntato il dito sull’assessore allo Sport Marco Galli per la vicenda della convenzione non rinnovata a suo tempo con la Fin per la gestione dell’impianto, hanno parlato di “passi falsi” in questi due anni, hanno evidenziato che “ci si poteva pensare prima” ad affidare una perizia esterna per valutare l’entità reale dello sforzo economico per riaprire le vasche (un milione la cifra emersa) e hanno sottolineato il “malcontento” di FdI per la gestione complessiva della questione.

Piscina di Muggiò, Fdi: “Per noi valido progetto Nessi&Majocchi. La gestione a Fin”

Il tutto dimostrando un certo gradimento per l’ipotesi alternativa all’intervento in proprio del Comune. Ossia la proposta della società Nessi & Majocchi presentata un anno fa che prevede un piano di partenariato pubblico-privato per ricostruire completamente la piscina oltre alla manutenzione per 20 anni. Un progetto dal costo complessivo di circa 7,5 milioni finanziati attraverso leasing.

“Prendo atto che una singola forza esprime malumore sulla situazione, parlando di ritardi e di fatto accusando un assessore – affonda il capogruppo di Forza Italia, Enrico Cenetiempo – Peccato che, ad esempio, noi come Forza Italia siamo tornati in giunta soltanto nell’estate 2020 (dopo lo strappo del 2018, ndr), mentre chi accusa fa parte dell’esecutivo dal primo giorno. Mi chiedo, allora, dove era prima Fratelli d’Italia, quando si consumavano i ritardi che ora segnala pubblicamente? Non è il modo di fare, in una maggioranza e in una giunta si va avanti tutti insieme e si condividono progetti, scelte e responsabilità”.

“Mi dà fastidio che qualcuno debba specificare di sentirsi migliore degli altri – aggiunge Cenetiempo – Così come mi pare ingiusto far intendere che un solo assessore avrebbe più responsabilità di altri. Allora anche noi su Urbanistica o Patrimonio (rispettivamente Marco Butti e Francesco Pettignano entrambi di FdI, ndr) avremmo molte cose da dire, ma crediamo in un confronto collegiale e ben venga in questo senso la decisione del sindaco di fare un confronto sulla piscina di Muggiò che coinvolga tutti, in modo trasparente”.

Sulle soluzioni in campo – un milione di spesa in proprio o il progetto Nessi&Majocchi – Cenetiempo non si sbilancia più di tanto: “Ma di sicuro non va scartata l’opzione di intervenire direttamente per il Comune, che mi pare contenga diversi benefici in un raffronto tra costi e tempi tra le due possibilità in campo”.

Un commento

  1. Effettivamente quelli del Gruppo di Fratelli d’italia, spesso, sembrano all’opposizione. Criticano, spiegano che loro farebbero meglio, che loro non avrebbero permesso simili inefficienze ma che purtroppo non sono responsabili di quell’attività. Lo fanno con tutti gli Assessorati ad eccezione di quello del Patrimonio. Evidentemente sono convinti anch’essi dell’inquinamento acustico negli uffici comunali prodotto dalle segnalazioni per ciechi o che il personale dei cimiteri ha speso un anno del loro tempo nella manutenzione delle loro “attrezzature”. Quando la barca è alla deriva e in alto mare, è necessario scegliere la migliore scialuppa, procurarsi i viveri e mettersi in salvo. Il “salvi si può” lo urlano gli equipaggi delle barche che affondano. Evidentemente queste manovre servono per prepararsi alla prossima campagna elettorale e non per mettere fine a questa fallimentare Amministrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab