Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Sanità

Covid, Asst Lariana in preallerta per l’eventuale nuova ondata: vertice su posti letto, vaccini, risorse

Scatta l’allerta all’Asst Lariana per una possibile quarta ondata Covid.

Oggi si è tenuto un incontro promosso dalla Direzione Generale per predisporre le più opportune iniziative tese a fronteggiare il potenziale trend in crescita dei nuovi casi Covid positivi.

I temi trattati e la cui organizzazione è stata definita in caso di necessità sono stati i seguenti: identificazione per i pazienti Covid positivi di posti letto fruibili (oltre al reparto di Malattie Infettive, il secondo step prevederà l’eventuale attivazione del reparto di Riabilitazione, il terzo step della Week-Day Surgery); monitoraggio delle risorse tecnologiche e sanitarie, tra cui i dispositivi di protezione individuale; monitoraggio della campagna vaccinale in atto.

“Abbiamo testato la nostra organizzazione nel corso delle diverse fasi dell’emergenza infettivologica che sul territorio ci ha visti impegnati nella cura e nel trattamento di oltre 4300 pazienti – sottolinea il direttore generale di Asst Lariana, Fabio Banfi – Qualora si rendesse necessaria una nuova azione di contrasto, confidiamo nella flessibilità delle nostre risorse infrastrutturali e nella capacità di risposta dei team professionali. Tutto ciò va coniugato con l’impegno a sostenere il processo di compiuta ripresa dell’offerta sanitaria (ricoveri e prestazioni ambulatoriali) che caratterizza l’attività di Asst Lariana”.

Per quanto riguarda l’attività vaccinale, i dati regionali (aggiornati alle ore 05.00 del 19 luglio) relativi alla provincia di Como certificano il raggiungimento di una percentuale pari al 77.70% per le prime dosi somministrate rispetto ad una popolazione target di 514.996 mila persone; sono 400.126mila le prime dosi somministrate e 269.418mila le seconde dosi; numeri che collocano la provincia di Como al terzo posto dopo Lecco e Monza/Brianza.

“Non potendo contemplare a livello di sistema l’opzione di lockdown generalizzati il tutto si regge su comportamenti individuali e collettivi responsabili e con l’adesione massiccia al processo vaccinale” conclude il direttore generale di Asst Lariana.

Un commento

  1. Visto che si stima un’ondata meno “cattiva” delle precedenti (grazie alle vaccinazioni), e presumibilmente con molti meno ricoveri, sarebbe cosa intelligente destinare i presidi periferici (Menaggio, Cantù, Mariano) ai ricoveri dei pazienti Covid, e lasciare che il presidio di S. Fermo continui a garantire l’attività di urgenza-emergenza e di sala operatoria, attualmente in lenta ripresa ma con un grave “arretrato” da smaltire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo