Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
scuola

Maturità, finalmente le regole per studenti e prof: “Presentarsi 15 minuti prima. Distanza di 2 metri, mascherine ma no guanti”. Il documento

“Al fine di evitare ogni possibilità di assembramento il candidato dovrà presentarsi a scuola 15 minuti prima dell’orario di convocazione previsto e dovrà lasciare l’edificio scolastico subito dopo
l’espletamento della prova. Il candidato potrà essere accompagnato da una persona”.

E’ certo uno dei passaggi più importanti, ma non l’unico, delle Linee Guida prodotte dal Comitato Tecnico-Scientifico (sotto, il documento integrale) in vista dei prossimi esami di maturità. Giorni difficili per il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina tra dichiarazioni e bocciature.

Ora l’ultimo documento. Prevede gli ingressi scaglionati, con appunto il differenziale di 15 minti, aule sanificate, mascherine (ovvio) ma no guanti, per studenti e docenti. E distanza almeno due metri tra commissione e candidato. Esame al via il 17 giugno.

Si legge: I locali scolastici destinati allo svolgimento dell’esame di stato dovranno prevedere un ambiente sufficientemente ampio che consenta il distanziamento di seguito specificato, dotato di finestre per favorire il ricambio d’aria; l’assetto di banchi/tavoli e di posti a sedere destinati alla commissione dovrà garantire un distanziamento – anche in considerazione dello spazio di movimento – non inferiore a 2 metri; anche per il candidato dovrà essere assicurato un distanziamento non inferiore a 2 metri (compreso lo spazio di movimento) dal componente della commissione più vicino”.

Dicevamo, i guanti: “I componenti della commissione, il candidato, l’accompagnatore e qualunque altra persona che dovesse accedere al locale destinato allo svolgimento della prova d’esame dovrà procedere all’igienizzazione delle mani in accesso. Pertanto NON è necessario l’uso di guanti”.

Leggi il documento completo:

esami-di-stato-protocollo

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: