Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

“Anche la mia Chloe morta folgorata. Ora denunciamo, chi ha causato la morte dei cani non può passarla liscia”

La vicenda di Eragon, il beagle morto folgorato in una pozzanghera a Monte Olimpino a causa della dispersione di corrente dal pozzetto di un lampione stradale, e degli altri cani che negli stessi giorni hanno subito la medesima fine, sta per avere una svolta inaspettata.

Lui è Eragon, morto fulminato in una pozzanghera. Dolore e rabbia di Alberto: “Potevo solo guardare, siamo distrutti. Com’è possibile?”

“Ci stiamo attivando tramite i nostri rispettivi legali per fare causa ai singoli comuni ma anche ai gestori dell’energia elettrica – spiega Cristina Galletti, proprietaria di Chloe, la sfortunata whippet rimasta uccisa a Cesano Boscone – per ora siamo in quattro ma stiamo contattando anche i proprietari di Eragon per unire le forze e seguire una linea legale comune. L’obiettivo è arrivare a una causa penale perché quello che è accaduto ai nostri cani non è stata una disgrazia e i responsabili non devono passarla liscia. Contiamo di depositare le denunce entro fine mese”.

Eragon, Chloe, Harley, Caos e Axel: dal levrierino peso piuma al rottweiler nessuno di loro ha avuto scampo. Tutti morti sul colpo o deceduti dopo interminabili minuti di agonia, ma non sono gli unici.

“Finché non è capitato a me, non avevo mai sentito parlare di incidenti del genere – spiega Cristina – invece da una rapida ricerca e ho scoperto che i casi sono tantissimi e riguardano anche persone, bambini compresi, quindi si tratta di un problema di sicurezza molto grave su cui bisogna intervenire al più presto”.

Parallelamente, come avevamo già avuto modo di raccontare, anche l’Aidaa (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) ha proceduto a denunciare i sindaci dei cinque comuni coinvolti per la mancata manutenzione dei pozzetti. Ieri è stato infatti depositato alla Procura della Repubblica l’esposto relativo al pastore tedesco deceduto a Bareggio e nei prossimi giorni saranno presentati anche gli esposti per le vicende accadute a Milano e Cesano Boscone.

TAG ARTICOLO:

Un commento

  1. Nn ci si può credere a tutto questo e nessuno ne parla per caso si viene a sapere e nn solo pensando agli animali pensate ai bambini a cui piace andare nelle pozzanghere …mi associo in questa causa da diffondere .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo