Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Polpo, capocollo e gelato: il cibo come antivirus. I comaschi coraggiosi che sfidano la crisi

I coraggiosi. Li vogliamo definire così coloro che in piena crisi economica dovuta alle conseguenze del Covid-19 hanno deciso di mettersi in gioco e aprire un locale a Como.

E’ quello che hanno fatto Rocco Quintano, 27 anni, e Martina Bonafortuna, 30 da compiere tra poco. Altamurano doc lui, trasferita da Torino lei che però – si sente – ha il tacco dello Stivale nel sangue. Il loro locale in via Dante, La Puglia è servita, si stava facendo conoscere a febbraio dai comaschi quando la pandemia e il lockdown hanno bloccato tutto.

“Avevamo appena aperto quando il lockdown ci ha fatto chiudere – racconta Rocco – In quel momento abbiamo subito deciso di donare quanto avevamo negli scatoloni in negozio al Comune per aiutare le persone in difficoltà. Non volevamo che quei prodotti andassero sprecati”.

Nel loro locale infatti si possono assaggiare i prodotti tipici della Puglia, dai taralli alla pasta fresca passando per le mozzarelle da accostare a cocktail e vini pensati appositamente per esaltarne i sapori. “E’ un modo per ridare alle persone il tradizionale aperitivo all’italiana – spiega Rocco – Inoltre tutto quello che si assaggia si può acquistare al dettaglio da portare a casa”.

Una vera scommessa quella fatta da questi giovani ragazzi. “Abbiamo dei parenti qui a Como e ci chiedevano sempre i prodotti della Puglia – aggiunge Rocco – Così abbiamo deciso di aprire uno dei nostri negozi anche qui. Ne abbiamo diversi, anche a Barcellona e Ibiza. Per il momento la ripartenza è lenta ma siamo positivi. Speriamo di poter presto portare un po’ di musica dal vivo e attirare i giovani per mangiare e bere qualcosa di particolare”.

Tra chi aveva deciso di sfidare il Coronavirus ci sono, poi, Elisa Pariani e Marco Calì, titolari della gelateria GeLab. Dopo un progetto sognato per mesi, anche loro avevano infatti coraggiosamente inaugurato il locale poco prima del lockdown.

“Abbiamo aperto il 6 marzo e chiuso il 12 – ci spiega Marco – poi il 28 siamo partiti con le consegne a domicilio e abbiamo riaperto a maggio. La scelta di aprire prima del lockdown ha pagato, perché il delivery ci ha permesso di farci conoscere dai residenti”.

Il prodotto, poi, ha fatto la differenza: un gelato naturale, senza l’utilizzo di preparati industriali, con gusti gourmet dove il tutto viene direttamente cucinato nel laboratorio a vista che si affaccia sulla strada. “A marzo eravamo tra i pochi a fare consegne, scegliendo di anticipare la stagione abbiamo avuto un grande vantaggio – continua – Da metà luglio a metà agosto abbiamo lavorato per lo più con i turisti. Ora anche la gente locale sta rispondendo bene, chi viene da noi è contento e ritorna”.

Nessun rimorso, quindi, ma tanta voglia di andare avanti su questa strada. “Staremo aperti tutto inverno – conclude – faremo anche prodotti da forno e quindi ci aspettiamo comunque una buona risposta”.

E infine c’è chi, in barba al calo dei turisti in città, ha deciso di aprire ora il proprio locale. Si tratta di un volto noto in città, quello di Carmine Giuliani, già titolare dell’omonimo bar in piazza De Gasperi. E’ una sua idea infatti il nuovissimo Ammare, inaugurato nei giorni scorsi sotto i portici Plinio, dove gustare poké e panini di mare.

“Avevamo fatto l’investimento affittando il locale poche settimane prima dell’arrivo del Covid – spiega Giuliani – I lavori quindi sono stati fermi a lungo. Avremmo dovuto aprire a giugno e invece lo facciamo ora, cercando di farci conoscere in primis con il delivery. Siamo però in attesa dell’ok del Comune per l’occupazione di suolo pubblico per poter posizionare dei tavolini”.

Il titolare spiega più nel dettaglio la proposta: “Quella dei poké e dei panini di mare è un po’ la moda del momento, a Milano sta funzionando molto e a Como non c’è nulla di simile. Abbiamo cercato di rendere il locale molto curioso con le mattonelle tipiche della costiera amalfitana e abbiamo come obiettivo prettamente i giovani”.

Tania Gandola e Stephanie Barone

L’ARTICOLO CHE HAI APPENA LETTO E’ USCITO SU COMOZERO SETTIMANALE: ECCO DOVE PUOI TROVARLO

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: