Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Turismo non solo pizze e gelati, esempio Laglio: le maxi sculture “invadono” il paese. Pozzi: “Nuova linfa”

Si può anche offrire qualcosa di diverso, dunque, nei borghi comaschi oltre alle pur magnifiche passeggiatine sul lago con pizzetta, missoltino e gelatone. O almeno questo sembra dire la nuova iniziativa in rampa di lancio a Laglio, dove è tutto pronto per il Simposio di Scultura che prenderà il via nel penultimo week-end di maggio e si prolungherà fino al 6 giugno.

L’inaugurazione è in programma venerdì 21 maggio alle 17.30 al Municipio di Laglio, a numero chiuso per le restrizioni legate al Covid-19. Da sabato, invece, la manifestazione entrerà nel vivo, con la possibilità per tutti di assistere “live” al lavoro di estrazione dell’opera d’arte dal blocco di marmo.

Cinque scultori comacini realizzeranno presso il parco delle Rimembranze opere di grandi dimensioni, che resteranno di proprietà comunale e che verranno collocate in appropriati spazi sul lungolago del paese.

Protagonisti saranno gli scultori Fabio Ceschina, Massimo Clerici, Valentino Cimarosti, Alcide Gallani e Bruno Luzzani, supportati da cinque giovani collaboratori frequentanti il secondo anno del corso di scultura all’Accademia Belle Arti di Firenze ed ex alunni del “Liceo Artistico F. Melotti” di Cantù. Curatore artistico del Simposio sarà Luigi Cavadini, critico d’arte, scrittore, giornalista.

Si tratta del primo evento culturale organizzato dall’amministrazione comunale dopo i duri mesi di pandemia: l’obiettivo è quello di sostenere, promuovere, valorizzare e diffondere la cultura, la storia e la tradizione locale, in tutte le sue variegate forme. Fondamentale per la riuscita del progetto è stata la generosa collaborazione di Pusterla Marmi, che ha messo a disposizione il materiale marmoreo occupandosi, inoltre, della logistica e degli impianti.

“Il nostro territorio è, da sempre, apprezzato per le sue bellezze naturali, gli scorci romantici, il lago, la montagna – ha commentato il sindaco di Laglio Roberto Pozzi – le imponenti architetture in stile romanico. Le opere dei Maestri Comacini e Intelvesi. Le tele dell’Ottocento lombardo. La nautica con i suoi secolari cantieri e le mitiche imbarcazioni ivi prodotte: da lavoro, diporto o sport agonistico, sempre d’eccellenza. Ora anche “buen retiro” di star internazionali, che hanno fatto da apripista a tanti personaggi del mondo dello spettacolo, dell’economia e della finanza. Un turismo ormai divenuto 2.0, grazie a nuove forme comunicative e l’opera di blogger seguitissimi sui social, che darà nuova linfa e vigore all’economia locale”,

Concorso fotografico

Fotografi, preparate i vostri obiettivi. In occasione del Simposio di scultura sarà infatti lanciato anche un concorso fotografico aperto a tutti, con partecipazione gratuita. Il tema sarà inerente alla realizzazione delle opere nell’ambito del Simposio, con libera interpretazione. Sarà possibile partecipare inviando fino a tre fotografie in formato digitale al link “Simposio scultura” dedicato al concorso, presente sul sito www.lagliorivaromantica.it.

Le foto dovranno pervenire entro la fine del mese di giugno 2021. La giuria sarà composta dai cinque scultori protagonisti del Simposio, dal curatore artistico e da professionisti dell’arte dell’immagine: saranno selezionate cinque fotografie (non più di una per presentatore) e premiati gli autori con un’opera offerta dagli scultori. La cerimonia di premiazione avverrà nel mese di settembre, in data ancora da definire.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo