Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Como, quarta assenza di massa di Forza Italia in consiglio. Affondi di Lega e Rapinese

Quarto boicottaggio di fila del gruppo consiliare di Forza Italia delle seduta di consiglio comunale, questa sera. La serata sul bilancio è comunque potuta iniziare perché in seconda convocazione e con 23 consiglieri presenti.

Due consiglieri sono espressamente intervenuti sul tema delle divisione interne, ormai devastanti, del centrodestra al governo di Como.

Per prima la consigliera della Lega, Pierangela Torresani, che in un accorato invito a ritrovare compattezza istituzionale e ad andare oltre le divisioni ha però sottolineato che “non siamo qui per fare campagna elettorale, ma siamo qui perché la parola responsabilità deve guidare i nostri passi e le nostre azioni. Approvare il bilancio permette al Comune di governare e portare avanti progetti, attività ordinarie e straordinarie. Cerchiamo di non essere irresponsabili e di non bloccare la città, mettiamo da parte le ideologie per il bene comune”.

Poi, dall’opposizione, è toccato ad Alessandro Rapinese: “Anche questa sera vediamo che la maggioranza, ad eccezione di chi la cadrega ce l’ha già (riferimento alla presidente del consiglio comunale Anna Veronelli, presente in aula ndr) è priva di Forza Italia. I numeri non ci sono, basta un raffreddore o un’assenza perché la maggioranza non riesca a mandare avanti il proprio programma”.

Rivolto al sindaco, Rapinese ha detto che “trincerarsi dietro all’emergenza del virus è imbarazzante. La Lega non vuole il dormitorio e voi prendete in giro la città dicendo che lo volete, siete spaccati sulla Ticosa, su molte cose. Quantomeno lasciamo in pace il Coronavirus per prolungare la vita di questa amministrazione, che non ha alcuna competenza specifica”.

Tra Coronavirus e Forza Italia, la lettera di Landriscina: “Aprire la crisi ora? Forse state sbagliando momento”

Fanetti (Pd): “Landriscina, il triumvirato, Forza Italia: farsa che fa male a Como”. Siluri a Veronelli

 

3 Commenti

  1. Per me è una vergogna di essere COMASCA DA GENRAZIONI!! Quando penso che ai tempi la mia CITTÀ ERA ORDINATA E PULITA. Adesso je STRADE, I MARCIAP SONO COME UN COLABRODO, I GIARDINI OUBBLICI INCOLTI E SOURCHI ecc… POTREI STARE ORE E ORE AD ELENCARE i disagi CHE SI TROVANO OVUNQUE!!! AD ESEMPIO SE PER CASO HO BISOGNO DI UN BAGNO URGENTE PER ME O MIA NIPOTINA E MI TROVO AI GIARDINI DI VIA VIA VITTORIO EMANUELE,, MAL ODORANTI E SPORCHI! OPPURE AL MERCATO SCOPERTO e li O VAI IN BAR OPPURE TI TAPPI LE NARICI E RIMANI IN LUNGA APNEA!!! SENZA CONTARE lo SCIFI CHE TROVI NELLO SCENDEE LE SCALE, SPORCHE E MALEODORANTI…. PASSIAMO SOTTO I PORTICI DI SANTA CECILIA, SANTO CROCEFISSO E SAN FRANCESCO… IO 1 O 2 VOLTE ALLA SETTIMANA VADO A TROVAE IN CITTÀ MURATA MURATA a trovare un ‘amica che è rimasta VEDOVA S DICEMBRE E VADO DALLE 20.30 alle 23.30 CIRCA A PARTE ORA CHE È INVERNO E SIAMO STATI MESSI IN QUARANTENA. MA QUASI SEMPRE IO ED UN’ALTRA MIA AMICA USCIAMO DAL PORTONE E CON GRANDE PAURA E PURTROPPO LENTAMENTE RAGGIUNGIAMO LA MUA AUTO, che ANZICHÉ POTERLA POSTEGGIARE SOTTO LE PIANTE DI VIA CARLO CATTANEO dove 3 giorni alla SETTIMANA FANNO IL MERCACO SCOPERTO e CERCANDO DI FAE STRADE PIÙ ILLUMINATE E FREQUENTATE COME LA VIA CESARE CANTÙ anziché la VIA ODESCALCHI DOVE LEI ABITA!!! ORA PER LA CORONA VIRUS È DESERTISSIMA SOLITAMENTE ERA DESERTA….E ANCHE IN ESTATE NON CAMBIA MOLTO, BAR CHIUSI VETRINE SPENTE!!! LOGICAMENTE SE NOI COMASCHI CI LAMENTIAMO DELLA MUSICA e del CHIACCHERIO dei ragazzi e PREYENDIAMO CHE I LOCALI CHIUDANO ALLE 23 MASSIMO 24.00!!! POI CI LAMENTIAMO CHE I NOSTRIFIGLI, NIPOTI VADANO FUORI COMO??? MA SE NON LI SAPPIAMO TENERE NELLA NOSTRA BELLA COMO, SIAMO NON POCO FURBI, INCAPACI E VOGLIAMO TRASFORMARE LA NOSRA CITTÀ UN POLLAIO DI SOLI UFFICI DI GIORNO e di ABITAZIONI QUASI DI TUTTI ANZIANI??? PENSIAMOCI COMASCHI INTANTO CHE I TURISTI ci portano LAVORO E DI RIFLESSO SOLDI, QUESTA NON È PIÙ LA CITTÀ DEGLI INDUSTRIALI MA È STATO RISCOPERTA LA BELLEZZA DEL NOSTRO LAGO E DINTORNI!!! GUARDIAMO ALTRE CITTÀ e altre REGIONI SOLARI E NON POLLAI!!! e POTREI STARE ORE e ORE I DISAGI e le INCOERENZE. GRAZIE SE SI PUÒ FARE UN ESAME DI COSCIENZA. IO SONO UNA NONNA DI 3 NIPOTI DAI 18 ANNI AGLI 11 E LA COSA MI SPAVENTE e a volte NON MI PERMETTONO DI DORMIRE TUTTA KA NOTTE NEL PENSARE A CHE CITTÀ STIAMO OFFRENDO ALLA NOSTRA NUOVA GENERAZIONE. DISTINTI SALUTI!!! Marialuisa Tentorio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: