Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Punti di vista

Errori tecnici, responsabilità politiche, sabotaggio? Disastro bonifica Ticosa, ora servono verità e conseguenze

In sede di esame dei requisiti posseduti dai partecipanti seguenti in graduatoria sono emersi dei vizi nella documentazione della gara bandita alla fine di febbraio 2020. I vizi sono di carattere sia formale (mancata pubblicazione in Gazzetta Ufficiale di modifiche essenziali ai documenti di gara intervenute nel corso della procedura) sia sostanziale (erronea configurazione dei requisiti di legge previsti per lo smaltimento di rifiuti speciali).

Che cosa deve accadere ancora perché emergano nettamente le responsabilità del disastro sulla bonifica dell’area Ticosa, dopo aver letto questo passaggio diramato ufficialmente ieri dal Comune di Como?

Bonifica Ticosa, ai confini della realtà: tutti gli errori commessi dal Comune nella gara. Si riparte da zero

E’ una domanda che non si può davvero più evadere, eludere, nascondere sotto il terreno inquinato del vecchio comparto industriale, anche senza voler in alcun modo voler vestire i panni comodi dei giustizieri da scrivania o dei coltivatori del “vergonia!11!!!” a oltranza.

Ma quelle righe – così dettagliate, specifiche e minuziose, peraltro – non possono essere lavate vie dal flusso banale delle notizie del giorno: impongono all’amministrazione un’operazione di trasparenza amministrativa, politica e comunicativa di cui la città ha bisogno.

Nel momento in cui un’amministrazione rivela al pubblico errori formali e sostanziali così gravi e ben definiti, per di più su una delle partite più importanti per la comunità ossia il recupero della Ticosa atteso da 40 anni, poi non si possono lasciare le cose a metà. Mostrato il dito, ora serve che emergano sia il braccio sia le menti che hanno inchiodato di nuovo la bonifica a una sorta di eterno “ground zero”.

Perché delle due l’una: vista l’imponenza dei vizi che ora porteranno all’annullamento della gara già svolta per la bonifica (che peraltro era già stata segnata dal “misterioso” addio dell’azienda che la vinse), se ne desume che l’origine di quei macroscopici errori sia stata accertata e ben delimitata. Sono di natura esclusivamente tecnica? Sono anche di natura politica? Riguardano un ufficio, due, tre? Un assessore, due, tre?

Ancora un flop Ticosa: l’azienda della bonifica si è ritirata. Galli: “Non ripartiamo da zero”

Non dev’essere complicato desumerlo visto che a Palazzo Cernezzi ci si è già spinti a mettere nero su bianco la “mancata pubblicazione in Gazzetta Ufficiale di modifiche essenziali ai documenti di gara intervenute nel corso della procedura” e “l’erronea configurazione dei requisiti di legge previsti per lo smaltimento di rifiuti speciali”.

Dunque si vada a fondo. E si ispezionino non a mezza bocca, non tramite allusioni o ammiccamenti, ma chiaramente e a fari accesi, tutte le strade: si è davanti a incapacità, errori o si sconfina nel sabotaggio interno? Si può confinare soltanto a uffici, tecnici e funzionari questa sequela di macroscopici inciampi? O si deve necessariamente risalire anche a responsabilità politiche?

E prima di tutto: come è possibile che soltanto il 25 marzo scorso, in sede di Commissione ufficiale, venisse data tutt’altra prospettiva all’operazione bonifica, negando espressamente la necessità di annullare la gara? Quando, come, a che punto quelle parole sono diventate improvvisamente cenere?

Ticosa: la bonifica costerà 280mila euro in più. Area ripulita, un miraggio: fine 2022

Sono questioni che la stessa amministrazione ha posto davanti agli occhi della città con la nota di ieri. Sono questioni a cui ora la stessa amministrazione deve dare risposte e identità, per poi prendere decisioni conseguenti. E precise al millimetro, stavolta.

5 Commenti

  1. Sono cose del tutto diverse, la centrale provinciale prende i documenti fatti dai comuni e le pubblica senza nessun controllo, e subisce molti ricorsi. a Como i ricorsi sono sulle gare per la concessione del patrimonio, sugli appalti solo 2 negli ultimi anni 1 vinto e 1 perso. In questo caso non ci sono stati ricorsi, ma evidentemente qualcuno ha cambiato idea o vuole nascondere altro puntando il dito alle stelle.

  2. @ Andrea, infatti ho scritto che la mancata realizzazione è sicuramente imputabile alla politica, non ho scritto che è colpa di Landriscina & C., sebbene, se non ricordo male, ci furono i consiglieri di Forza Italia che si misero di traverso, non volendo far decentrare altrove i procedimenti di gara. Ma alla luce di tutti i ricorsi e gare finite “male” è del tutto evidente che è stato un gravissimo errore non realizzare la SUA, viste le pesantissime ripercussioni sulla realizzazione degli obbiettivi di questa Amministrazione.

  3. e’ bene ricordare che, al netto delle colpe di uffici e giunta Landriscina, l’adesione alla Stazione Unica Appaltante fu bocciata dall’opposizione, in particolare dal PD del capoluogo, nonostante la proposta provenisse dall’amministrazione provinciale, all’epoca guidata proprio dal PD…

  4. Una delle peggiori amministrazioni di sempre. E, soprattutto, connotata da un immobilismo in cui pare sguazzare gongolante, nella pozza di un totale e tombale mutismo, a partire dalla figura al vertice (il sindaco-ombra).

  5. Il primo mascrospico errore del Comune di Como è stato quello di non andare avanti nella creazione della Stazione Unica Appaltante, in accordo con l’Amministrazione Provinciale. E qui, per quanto riguarda le responsabilità, non possono che essere politiche. Sulla questione Ticosa non entro nel merito, non conoscendo i fatti, ma basterebbe guardare il funzionigramma del Comune di Como per capire chi deve fare cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo