Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Forza Italia: “Piscine chiuse, inaccettabile. E ora risposte sul caso Como Nuoto-Pallanuoto Como”

Forza Italia – pur dall’interno della maggioranza, sebbene notoriamente senza entusiasmi – va all’attacco sul caso delle varie piscine chiuse a Como. E’ il capogruppo degli azzurri in consiglio comunale, Enrico Cenetiempo, a inabissarsi nelle acque della contesa.

“Ora serve chiarezza – dice – Abbiamo il Lido di Villa Geno chiuso, le vasche di viale Geno chiuse, la piscina olimpionica di Muggiò chiusa. Non è possibile andare avanti così, soprattutto in una stagione così particolare come questa, dopo il lockdown, quando la gente, pur in sicurezza, avrà voglia e di stare all’aperto e fare un tuffo”.

“Non abbiamo notizie né informazioni, non è possibile andare avanti così – prosegue – Il Lido di Villa Geno è fermo e nessun sa quando aprirà (nel giugno dello scorso anno, le due offerte arrivante nella gara pubblica non vennero ritenute valide dalla commissione ad hoc, ndr). Sulla piscina di Muggiò si continua ad annunciare una possibile riapertura che invece non arriva mai. E poi c’è il caso clamoroso delle piscine di viale Geno”.

Il riferimento è all’infuocata querelle tra Como Nuoto e Pallanuoto Como, con quest’ultima società che nella contesa legale è uscita vittoriosa dal Consiglio di Stato ma che – pur reclamandole da tempo – non ha ancora ricevuto dal Comune le chiavi della struttura. Da qui, le vibrate proteste di Giovanni Dato per Pallanuoto Como.

Un clima arroventato nel quale si è aggiunta l’interrogazione datata 11 marzo scorso (e tuttora senza risposta ufficiale) del consigliere Alessandro Rapinese, il quale ancora quindici giorni fa chiese pubblicamente di avere dalla giunta la conferma che tutte le verifiche sulla documentazione delle due società fossero state svolte dagli uffici per l’assegnazione.

In particolare, Rapinese pose queste domande alla giunta: “Avete rispettato legge e criteri e ciò che la norma impone? Avete considerato il dato degli atleti agonisti per la stagione 2017-2018? Avete fatto la verifica circa la corrispondenza del numero di atleti tesserati agonisti dichiarato dalla Rti Pallanuoto Como-Crociera Stadium? Avete preso contatto con la Federazione Italiana Nuoto per ottenere la lista degli atleti agonisti delle suddette società e comunque per verificare l’effettivo numero degli atleti tesserati agonisti delle società Pallanuoto Como e Crociera Stadium? Io non ho nessun dubbio che tutto ciò sia avvenuto: semplicemente lo chiedo, mi si risponde sì e poi si agisce. Ripeto, non ho nessun dubbio sulla legalità delle scelte compiute, ma mi stupisce che non mi sia data una risposta puntuale”.


Proprio da qui riprende il discorso il capogruppo di Forza Italia.

“Legittimo chiedere chiarezza e attendere le risposte – afferma Cenetiempo – però ora i tempi si stanno facendo inaccettabili. Sono trascorsi mesi, perché non si hanno ancora le risposte ufficiali e non si procede con l’assegnazione del centro in fondo viale Geno? Ora basta, servono risposte e chiarezza definitiva”.

Sul punto, replica brevemente l’assessore al Patrimonio, Francesco Pettignano (foto sopra): “La questione e le risposte sono tutte in mano all’Ufficio legale del Comune, che non sta perdendo tempo ma sta predisponendo con scrupolo tutta la documentazione necessaria. Io non posso rispondere di una questione che riguarda gli uffici, appena avrò la relazione definitiva la leggerò in consiglio comunale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: