Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Cultura e Spettacolo

Supersalone, Ied-Accademia Galli di Como protagonista con The Lost Graduation Show di Anniina Koivu

L’Istituto Europeo di Design partecipa al Supersalone all’interno dell’inedita mostra The Lost Graduation Show di Anniina Koivu con 9 progetti di tesi realizzati dai diplomati delle sedi italiane e spagnole del Gruppo fra il 2020 e il 2021. IED ha aderito con entusiamo ad un progetto espositivo che mette al centro i giovani emergenti delle scuole internazionali di design: uno spaccato di una nuova generazione di progettisti che attraversa un momento storico di grande cambiamento.

The Lost Graduation Show raccoglie complessivamente negli spazi di Rho Fiera Milano 170 progetti di studenti provenienti da 48 scuole di design e 22 Paesi: un’eccezionale opportunità per ammirare i risultati di tesi più innovativi, i nuovi linguaggi della sostenibilità e le possibili soluzioni tratte dal design contemporaneo. In mostra IED è presente con 9 progetti fra le 6 scuole italiane selezionate da Anniina Koivu: Misano il concept vehicle degli studenti del Master in Transportation Design realizzato in collaborazione con il brand giapponese Suzuki a partire dal brief La Dolce Vita X Way of Life (team del Master in Trasportation Design, diplomati 2021); Sbun-design, startup per il settore della stampa 3D, volt a rendere sostenibile, riducendo le emissioni di CO2 (di Andrea List, Matteo Mulas e Leonardo Santambrogio, diplomati 2021 in Product Design); Alea, Stilo e Tes: tre progetti di Product Design per nuove collezioni di lampade ad uso residenziale o destinate a ristoranti stellati e hotel di lusso in collaborazione con il brand FontanaArte (Alea di Lavinia Bonvini, Matteo Guerci e Davide Zago, Stilo di Martina Cappabianca, Alessia Cipro e Fabrizio Lombardi, Tes di Filippo Salis, Sungkoon Kim e Marianna D’Antimo, diplomati 2021 in Product Design) e ancora Piota, lo standing desk progettato per trovare una soluzione alla sempre più diffusa vita sedentaria contemporanea (di Davide Tosetti, diplomato 2021 in Product Design).

In mostra anche Reddo – From Nature to Nature un nuovo materiale realizzato riciclando i gusci delle ostriche, modulare e in grado di generare forme organiche per la creazione di fondali sottomarini in cui si coltivi la Posidonia, pianta che funge sia da rifugio che alimento per animali acquatici (di Francesco Lucini, diplomato 2020 in Product Design); Sway, uno strumento di misurazione che trasforma le informazioni visive in uditive (di Xueyu Ji, diplomato 2021 in Product Design) e Tingle dispositivo terapeutico per bambini con ipertonia e ipotonia, soggetti a tensione nei muscoli e con difficoltà nella corretta mobilità del corpo (di Rodrigo Vega, diplomato 2021 in Product Design).

La mostra sarà in versione phygital: una piattaforma digitale – @thelostgraduationshow – ospiterà tutte le opere selezionate perché possano raggiungere un pubblico ancora più ampio e permetterà di entrare in contatti direttamente i giovani creativi. Infine, una giuria di esperti internazionali e protagonisti del mondo del design valuterà i progetti presentati e premierà i migliori.

The Lost Graduation Show 

dal 5 al 10 settembre – spazio Arena padiglione 4 – Supersalone Rho-Fiera Milano

Per approfondire le linee guida per la sicurezza dell’evento: 

salonemilano.it/it/linee-guida-la-sicurezza 

In occasione della settimana del Supersalone, IED partecipa anche al debutto al grande pubblico del Milan Experience Design Center di Haier, leader mondiale nel settore elettrodomestici. Dal 5 al 7 settembre il Superstudio ospiterà “Liquidsound HackathonRethinking wine cellars experience”, un workshop per esplorare nuovi scenari d’uso e soluzioni esperienziali fisiche e digitali all’intersezione tra il mondo Food&Beverage ed Entertainment, per il mercato domestico e per l’hospitality. Protagonisti saranno 3 gruppi mulitidiciplinari di studenti IED Milano composti da Innovation/Product/UX-UI/Sounds Designer, che saranno ispirati nel lavoro da quattro diversi creativi ed imprenditori: Sonus Faber, Nio Cocktails, Musixmatch, OstelloBello. Il gruppo di Caffè Design seguirà in diretta e commenterà sulle piattaforme social lo sviluppo del progetto.

Inoltre, grazie alla collaborazione con ADI – Premio del Compasso d’Oro, il Supersalone ospita il progetto-installazione Take Your Seat / Prendi posizione. Conviviality of the Chair / Solitudine e convivialità della sedia. Tutte le sedie oggetto delle mostra sono state catalogate e restaurate dagli studenti dell’Accademia Aldo Galli di Como. Un lavoro che ha visto impegnate quattro studentesse del Corso di Restauro e una neo diplomata dell’Accademia. Durante i mesi da lavoro sono stati prodotti più di 100 condition report e tra questi sono state restaurate 16 sedute. Tutti gli oggetti sono stati sottoposti ad un’attenta valutazione dello stato di conservazione e successivamente, sono stati trattati con operazioni di microaspirazione, detersione  e con piccoli interventi più invasivi per garantire una corretta lettura in fase espositivaL’Accademia – che dal 2010 fa parte del Gruppo IED – è un piccolo gioiello nel campo dell’Alta Formazione Artistica con più di 30 anni di storia alle spalle, unica scuola privata in Italia in grado di rilasciare il Diploma Accademico di secondo livello in Restauro, riconosciuto dal MIUR e abilitante alla professione (corso quinquennale a ciclo unico in Restauro).

Da sabato 4 settembre lo showroom di Cement Design (via Solferino 42) esporrà infine i progetti Fauna & Flora (di Triin Villemsaar e Lea Sockeel) e Eclipse di Mai Thi Duong e Stefania Kim Gardini, sviluppati nell’ambito dell’Academic Year in Interior Design e del Semester in Italian Contemporary Design and Trends durante il workshop svolto proprio in collaborazione con il brand di rivestimenti decorativi.

PIOTA

Accademia di Belle Arti Aldo Galli

Piota” di Davide Tosetti è il risultato di un progetto di ricerca con un background storico, sociale e medico avente come obiettivo di creare una soluzione al nostro stile di vita sempre più sedentario.
Concepita per l’indoor, “Piota” è una scrivania verticale utilizzabile in piedi basata sul “design per l’uomo”: semplice, leggera e facile da spostare e regolare, consentendo a tutti di lavorare o svagarsi evitando di sedersi, garantendo il primo passo per un futuro più sano.

DIPLOMATO

Davide Tosetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo