Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como Nuoto, la verità di Bulgheroni: “Dato fa politica, noi non saremo mai contro il Comune”

Dopo le convulse ore della manifestazione di protesta indetta davanti alla piscina di Muggiò, chiusa ormai dalla scorsa estate e dopo il “misterioso” whatsapp della notte, il presidente della Como Nuoto Mario Bulgheroni fa chiarezza sulla clamorosa mancata presenza della storica società, a dispetto delle avvisaglie della vigilia che parevano incidare compattezza delle società sportive.

“Cari Atleti, cari Soci, care famiglie – si legge nella comunicazione ufficiale – Ho ribadito in più occasioni che la posizione della società era e resta quella di chiedere con forza la riapertura dell’impianto di Muggiò, ma non era e non sarà mai “contro” l’amministrazione comunale”.

Bulgheroni poi specifica che “non è nostra intenzione ricercare un “colpevole” (non ne avremmo alcun beneficio in termini pratici, per noi è vitale che la piscina riapra)”.

E dopo le premesse, ecco il vero ostacolo: le ripetute accuse della Pallanuoto Como di Giovanni Dato, che – riepiloga ancora il presidente della Como Nuoto – “ha nuovamente accusato alcuni membri dell’amministrazione, conferendo alla manifestazione una connotazione politica a cui ho ritenuto di non dare il “placet” della società, lasciando tuttavia (e ci mancherebbe altro) libertà a ciascuna famiglia/atleta di aderirvi”.

Piscina di Muggiò chiusa, Dato scatenato: “Galli, Bella, Landriscina, basta prese in giro”

Piscina di Muggiò, un Galli onesto: “Il sit-in? Bello, inutile e doloroso. Io lavoro da mesi”

Piscina di Muggiò, nuovo affondo di Dato: “Galli sta a bordo vasca, amministrare è un’altra cosa”

“Abbiamo da poco compiuto un secolo di storia – prosegue Bulgheroni – questo importante traguardo è stato raggiunto anche grazie all’atteggiamento che la società ha tenuto nei confronti delle controparti istituzionali (in primis Comune e Federazione): abbiamo sempre cercato il confronto (a volte ruvido) ma mai lo scontro, consapevoli e rispettosi dei ruoli che ciascuna istituzione svolge nella nostra società”.

“Le dichiarazioni delle ultime ore mi hanno indotto quindi a ritirare la nostra partecipazione al sit-in – è la conclusione del presidente della Como Nuoto – ma certamente non a ritrattare sulla richiesta fatta all’amministrazione di adoperarsi per la riapertura della piscina olimpionica, in modo da porre fine ai disagi che i nostri atleti (e le famiglia) patiscono per il continuo peregrinare tra diversi impianti”.

8 Commenti

  1. A me sembra che sia più una mossa politica l’assenza della Como Nuoto.
    Infatti, dichiarando che non manifestano contro il comune, sostengono l’attuale amministrazione (che consente loro di vincere bandi e probabilmente per questo non la discutono).
    Vergogna! La riapertura di Muggiò dovrebbe essere un interesse comune!

  2. A volte è necessario avere il coraggio di alzare la voce coesi. Non significa x forza essere contro una amministrazione. Essere sempre e comunque concilianti non necessariamente paga. Quello che colpisce soprattutto è che il WhatsApp non sia arrivato in primis alla società che organizzava con loro. Suona quantomeno strano: suona più come ho il modo di dire “Ricordatevi che noi siamo bravi”. Gregari, amici dei potenti di turno.

  3. I soci Como Nuoto hanno votato per questa amministrazione un paio d’anni fa, perché pensavano che l’Assessore desse loro una mano: alla faccia!

  4. Mi sembra un atteggiamento ipocrita quello di Bulgheroni. Appendere una calza al portone di Palazzo Cernezzi con tanto di manifestanti non è politico? Questa captatio benevolenziae della amministrazione comunale mi suona per lo meno ruffiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: