Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cultura e Spettacolo

Gli Olo seducono anche il Ministero degli Esteri: selezionati per il Digital Art Experience

La Farnesina prende vita. E lo fa grazie a un grande progetto di videomapping, ovvero un linguaggio e una tecnica digitale che permettono agli artisti visivi di intervenire su sagome e superfici, ridisegnando il loro aspetto attraverso le video proiezioni e creando visioni collettive monumentali sempre più realistiche.

Una forma d’arte estremamente spettacolare della quale sono veri maestri i ragazzi di OLO Creative Farm. Non a caso i comaschi sono stati selezionati tra i 14 studi di arte digitale provenienti da tutta Italia che si esibiranno proiettando le proprie creazioni artistiche e ridisegnando il palazzo della Farnesina.

L’occasione, come racconta Max de Ponti degli OLO, è nata per caso: “Partecipiamo a diversi festival nel nostro settore, tra i quali il Bright Festival di Firenze. Proprio quest’ultimo ha dato vita ad una collaborazione con il Ministero degli Esteri ed è nato Farnesina Digital Art Experience. Le 14 agenzie che partecipano sono state selezionate proprio tra quelle che hanno preso parte al Festival, tra cui noi”.

De Ponti e gli altri membri degli OLO Creative Farm si recheranno a Roma per le prove nella giornata di giovedì 12 dicembre, poi saranno impegnati in due serate-evento. “La prima, venerdì, sarà riservata alle istituzioni mentre la seconda, sabato, sarà aperta al pubblico” specifica Max de Ponti. Lo spettacolo di sabato, a partire dalle 19, sarà l’occasione per presentare al pubblico lo stato dell’Arte Digitale italiana ed il potenziale delle nuove tecnologie.

“Ci hanno chiesto di sviluppare un progetto a tema libero per interpretare la facciata della Farnesina e noi abbiamo pensato al gioco di forze tra luce e buio – spiega De Ponti – E’ stata una bellissima esperienza che abbiamo condiviso con ‘notclub’ che ha collaborato con noi per il sound design che abbiamo realizzato in poco più di un mese. Speriamo il risultato piaccia”.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab