Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

A Villa Olmo il caos creativo a sette mani di “Ar(t)esti domiciliari – Contagio Leale”

Sette artisti, una lunga reclusione forzata a causa del coronavirus e la voglia non solo di continuare a lavorare, ma soprattutto quella di farlo insieme.

Da questo desiderio nasce “Ar(t)esti domiciliari – Contagio Leale”, un progetto a sette mani che ha visto la luce l’anno scorso per sostenere le attività della Fondazione Rosa dei Venti di Casnate con Bernate (impegnata in progetti e percorsi riabilitativi per bambini e ragazzi con disturbi della personalità) e che fino al 23 maggio è visibile nel salone di ingresso di Villa Olmo.

L’idea dell’artista Enrico Cazzaniga inizialmente condivisa con Fabrizio Bellanca, ha poi coinvolto anche i colleghi Marco Besana, Filippo Borella, Andrea Borgonovo, Matteo Galvano, Simona Muzzeddu: ognuno di loro ha ricevuto un foglio elettronico bianco sul quale creare a computer un’immagine usando le tecniche e tematiche che lo contraddistinguono. Il lavoro è stato poi mandato a un collega che ha aggiunto il proprio contributo modificando l’opera secondo il proprio estro e inviandola all’artista successivo.

“Il risultato è un caos creativo coerente – commenta Fabrizio Bellanca – un contagio che ci è piaciuto definire ‘leale’ perché ognuno di noi è intervenuto sull’opera di un altro artista senza prevaricarla ma arricchendola con il proprio contributo”.

Il risultato è un mix di colori, forme, texture in cui è difficile riconoscere il contributo di ciascuno ma in cui tutti hanno messo in gioco la propria creatività per un progetto più grande.

“Dopo essere state riprodotte su manifesti pubblicitari e affisse a cielo aperto in diversi punti della città, le opere ora tornano a mostrarsi gratuitamente al pubblico a Villa Olmo esposte sul grande tavolo ‘Love Difference’ opera dell’artista Michelangelo Pistoletto – spiega Bellanca – un grande specchio a forma di Mediterraneo circondato da sedie provenienti ciascuna da uno dei Paesi che si affacciano su questo mare”.

Un invito al dialogo e alla collaborazione che è anche l’origine di questo progetto artistico che, chissà, potrà forse inaugurare per questo gruppo di artisti, ma soprattutto amici, un nuovo modo di fare arte insieme.

Ar(t)esti Domiciliari – Contagio Leale
Fino al 23 maggio 2021
Villa Olmo, salone di ingresso
Orario continuato dalle 10 alle 18
Lunedì chiuso
Ingresso gratuito
.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo