Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Teleriscaldamento: maxi intervento su Camerlata, via Pino e le 4 corsie della Napoleona. Come cambierà la viabilità

Due cantiere pronti a partire in città con modifiche alla viabilità.

Il primo, di ComoCalor dal 5 luglio, per lavori “urgenti e inderogabili” sul teleriscaldamento, interesserà in varie fasi nel corso dell’estate e fino al 31 ottore, l’area tra Piazza Camerlata, via Napoleona e via Domenico Pino.

I lavori si svolgeranno secondo le seguenti fasi:

– Fase 1 Piazzale Camerlata senza invasione della corsia in uscita da via Colonna
– Fase 2 Piazzale Camerlata senza invasione della corsia di via Napoleona
– Fase 3 attraversamento in orario notturno delle quattro corsie di via Napoleona
– Fase 4 via Domenico Pino (con chiusura strada)
– Fase 5 dal civico 13 di Piazza Camerlata a via Domenico Pino sul marciapiede.

Riguardo allo scaglionamento, saranno eseguite “sin da subito le fasi 1, 2, 4 e 5 e rimandando al periodo da 08/08 al 20/08/2022, in orario notturno, la fase 3 (attraversamento delle quattro corsie di via Napoleona)”. Per questa parte dei lavori, si attende un programma dettagliato-

Per ora, sulle altre fasi, è previsto testualmente:

a) in Via Domenico Pino:

– la chiusura al traffico del tratto di Via Domenico Pino dal civico 1/b a Via Napoleona, garantendo sempre e in sicurezza il transito dei pedoni;

– l’istituzione del doppio senso di marcia da Via Turati fino alla testata del cantiere;

– l’obbligo di arrestarsi e dare precedenza per i veicoli in uscita da Via Domenico Pino su Via Turati (come da art. 145, comma 6 del Decreto Legislativo 285/1992 ‘Codice della Strada’: “i conducenti hanno l’obbligo di arrestarsi e dare la precedenza a chi circola sulla strada” (STOP)”, con obbligo di svolta a destra in direzione di Via Canturina;

– le modifiche viabilistiche di cui ai due punti precedenti dovranno essere presegnalate tramite idonea segnaletica sull’incrocio Via Canturina/Via Turati e su quello Via Turati/Via D. Pino;

– l’istituzione divieto di sosta RF 00:00-24:00 per tutte le categorie di veicoli, compresi quelli a servizio dei disabili, nel tratto da Via Turati al civico n. 6 di Via Pino;

– dovrà essere data tempestiva ed efficace informazione ai residenti delle modifiche viabilistiche di cui ai punti precedenti e della relativa tempistica

b) la chiusura parziale delle corsie riservate ai bus che conducono alle fermate di Piazza Camerlata: gli autobus provenienti da via Napoleona potranno raggiungere solo la prima banchina

c) l’istituzione divieto di sosta RF 00:00-24:00 per tutte le categorie di veicoli, compresi quelli a servizio dei disabili, su parte degli stalli bianchi presenti tra le corsie riservate agli autobus di Piazza Camerlata e Via Colonna, con temporanea traslazione dello stallo riservato ai disabili in punto non interferente coi lavori;

d) l’intervento sul marciapiedi di Via Napoleona (fase 5) non dovrà interessare in alcun modo le corsie, dirottando i pedoni sul lato opposto della stessa mediante l’utilizzo dei sottopassaggi pedonali, tramite idonea segnaletica e comunicazione, nonché tramite due movieri, uno a monte e uno a valle del cantiere, che controlleranno i pedoni e daranno loro indicazioni sui percorsi alternativi da seguire al fine di superare il cantiere in sicurezza, (invitandoli ad utilizzare il sottopasso pedonale ivi sito), comunque sorvegliando e dissuadendo da comportamenti non corretti pedoni e utenti vari;

e) durante la fase 5, quando il cantiere raggiungerà la via Domenico Pino, (20/25 metri dall’intersezione) uno dei due movieri di cui al punto precedente, oltre a controllare i pedoni, dovrà aiutare i veicoli che da via Domenico Pino si immettono sulla Via Napoleona, in quanto la visibilità del conducente che intende immettersi su di essa potrebbe essere limitata dai mezzi d’opera e dai lavoratori oltre che da recinzioni, cartellonistica varia;

f) la traslazione verso piazza Camerlata della fermata del trasporto pubblico locale in posizione idonea verrà concordata con gli Uffici preposti di ASF e il Settore Reti Strade Acque e Mobilità.

Il secondo intervento, in tutt’altra zona e per conto di Autostrade per l’Italia, riguarderà il ponte dell’Autostrada A9 sulla Varesina al confine con Montano Lucino. Servono indagini strutturali sulle spalle del sottovia e indagini geognostiche (sondaggi, carotaggi, prove SPT in foro). Dunque dall’11 luglio al 22, in orario notturno (22:00-06:00) è previsto il restringimento carreggiata e l’istituzione del senso unico alternato regolato da movieri sfruttando il fatto che in quel punto le corse sono tre (una per senso di marcia più quella per i bus e i mezzi di soccorso), con ripristino della normale viabilità al termine di ogni nottata lavorativa.

2 Commenti

  1. Ma quando si capirà CHE IL TELERISCALDAMENTO non ha mai funzionato a Como? Andate a chiederlo a quei poveretti che lo hanno da tempo. Quanti mesi rimangono al gelo? E l’acqua calda? Pare che in via Varesina lo scorso anno ci siano stati dei “piccoli” disservizi …….. e mi fermo qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo