Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

“Cuore alle imprese, fate regali a km 0”: così Silvia e Livia aiutano i piccoli negozi comaschi (e non solo)

In un momento di crisi per la maggior parte delle imprese italiane, fare rete diventa fondamentale per aiutarsi a sopravvivere.

Così, un aiuto ai piccoli negozi comaschi arriva dall’iniziativa “Cuore alle imprese” promossa in questi giorni sui social dall’artigiana orafa Livia Radice e dalla grafica Silvia Scandella.

“Livia ed io collaboriamo da anni, già dal primo lockdown pensavamo a come sopravvivere e promuovere l’attività al meglio – racconta Silvia – da qui, è nata l’idea di creare sui social uno spazio dove mostrare non solo la sua attività ma anche tutte quelle che in questo momento sono in difficoltà”.

 

Da questa idea sono nate le pagine Facebook e Instagram #cuorealleimprese, con l’obiettivo di dare voce a negozi e artigiani che si stanno reinventando offrendo servizi studiati per affrontare questo periodo di crisi.

Le due pagine social, infatti, si sono trasformate in una vera e propria vetrina virtuale dove vengono mostrati buoni acquisto, servizi d’asporto e consegna a domicilio ma anche e-commerce creati da piccole attività comasche e non solo.

“Ogni giorno riceviamo le richieste di 2 o 3 piccoli negozi o cooperative – aggiunge Silvia – le aziende hanno voglia di farsi conoscere e far vedere che si stanno reinventando. Il nostro obiettivo è mostrarle e invogliare la gente ad aiutarle, negli acquisti quotidiani ma anche e soprattutto nel periodo natalizio ormai alle porte. Per questo chiediamo a tutti di fare regali a km zero, sostenendo le piccole imprese”.

L’adesione all’iniziativa è del tutto gratuita, nello spirito di aiuto reciproco in un periodo difficile per tutti – come sottolinea la stessa Silvia.

“Vogliamo aiutare quante più attività locali possibili a sopravvivere – conclude – chiunque sia interessato può contattarci tramite messaggio su Facebook o Instagram. Pensiamo che tutelare i piccoli negozi e le attività artigianali significhi mantenere vive le città”.

TAG ARTICOLO:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo